L’annuncio che molti aspettavano
da tempo, soprattutto coloro che in passato hanno subito il furto del proprio
telefono cellulare, è finalmente arrivato oggi. I quattro gestori italiani,
Blu, Omnitel Vodafone, Tim e Wind, hanno raggiunto un accordo per la realizzazione
di una black list comune con i numeri IMEI dei cellulari rubati e smarriti.
Grazie all’IMEI, il numero di serie che identifica in modo univoco ogni telefono
cellulare, sarà quindi possibile bloccarne il funzionamento con qualsiasi
gestore italiano, anche inserendo un’altra carta SIM.

Si spera adesso che, dopo l’accordo,
i gestori si adoperino per rendere operativa al più presto la black list
comune dei cellulari rubati, in modo che possa costutuire un ottimo deterrente
contro i furti. Solo in Italia, si calcola, siano circa 100 mila i cellulari
rubati o smarriti ogni anno.

Resta il fatto che è ancora
lontana la realizzazione di un elenco globale che coinvolga tutti gli operatori
GSM. Allo stato attuale infatti, nel caso dell’Italia, un cellulare bloccato
e reso inutilizzabile nel nostro paese potrebbe continuare a funzionare senza
problemi con la SIM di un gestore straniero.