Qualcomm ha annunciato di aver effettuato, in collaborazione con Ericsson, il primo voice call handover da una rete mobile LTE a una rete WCDMA, sfruttando la tecnologia SRVCC (Single Radio Voice Call Continuity), supporto indispensabile per i servizi voce su rete LTE che garantisce una continuità del servizio nel momento in cui l’utente si sposta da un’area con una copertura 4G a un’area con rete WCDMA. Questo importante risultato è stato raggiunto lo scorso 23 dicembre, grazie all’utilizzo di una rete Ericsson e di un dispositivo con processore Snapdragon S4 MSM8960 3G/LTE multimode al suo interno. Una demo sarà disponibile presso lo stand Qualcomm durante il Mobile World Congress, in programma a Barcellona, dal 27 febbraio al 1° marzo.

Poiché la copertura LTE è complementare alla rete 3G, è essenziale che i dispositivi mobili 3G/LTE multimode siano in grado di connettersi senza discontinuità e interruzioni a entrambe le reti per garantire agli utenti servizi dati e voce di qualità” spiega Cristiano Amon, senior vice president of product management di Qualcomm. “Qualcomm è da sempre impegnata nell’implementazione a livello globale delle reti LTE a fianco delle reti 3G. Questo traguardo, raggiunto insieme a Ericsson, contribuisce a far diventare i servizi Voice-over-LTE una realtà che potrà essere presto lanciata sul mercato.

L’introduzione dell’SRVCC è l’evoluzione logica nel processo di implementazione dei servizi voce su rete 4G/LTE che segue il lancio commerciale, lo scorso anno, della tecnologia CSFB (circuit-switched fallback technology) su smartphone. Il CSFB consente alle singole frequenze radio di passare in modo dinamico da una connessione dati LTE a una 3G quando l’utente deve effettuare o ricevere una telefonata. Allo stesso modo, il supporto SRVCC garantisce il passaggio fluido e senza interruzioni di una telefonata da rete 4G a 3G. Inoltre, entrambe le tecnologie consentono di integrare il supporto alle reti 4G e 3G in un unico chip, riducendo non solo le dimensioni del dispositivo, che non ha più bisogno di modem e radio separati per le due diverse tipologie di rete, ma anche i consumi energetici e di conseguenza i costi.

Le tecnologie SRVCC e CSFB di Qualcomm assicurano, in questo modo, a coloro che utilizzano dispositivi LTE multimode, una qualità superiore dei servizi voce una volta che il Voice-over-LTE sarà lanciato sul mercato.