Iniziano ad arrivare le prime interessanti notizie dal Computex 2017 di Taipei. L’annuncio del giorno è che Microsoft e Qualcomm, la società leader nella produzione di SoC mobile (System on Chip) che alimentano alcuni degli smartphone più diffusi al mondo, collaboreranno per installare Windows 10 su dispositivi realizzati da Asus, HP e Lenovo basati sulla piattaforma Snapdragon 835. Tutti i nuovi Mobile PC saranno sottili, leggeri, fanless (cioè senza sistemi attivi e rumorosi di raffreddamento) e, proprio grazie alla nuova piattaforma Qualcomm, saranno dotati anche del modem all’avanguardia X16 LTE per la connessione dati in mobilità.

I nuovi computer portatili saranno in grado di collegarsi a Internet praticamente ovunque si trovino, senza quindi dover fare affidamento ai vari hotspot Wi-Fi: questo significa anche che il portatile potrà rimanere connesso per sincronizzare file, aggiornare i programmi e ricevere messaggi di posta elettronica anche quando è in stand-by. Senza dire che, grazie all’utilizzo di una connessione dati su rete mobile LTE piuttosto che su reti Wi-Fi aperte, questi computer portatili saranno intrinsecamente più sicuri.

Qualcomm al Computex 2017
Qualcomm al Computex 2017

A rilasciare una prima dichiarazione in merito alla nuova collaborazione è stato Cristiano Amon, Executive Vice president di Qualcomm Technologies, Inc., e President di QCT , che ha dichiarato: “Il modello di legacy computing non è più adatto ai consumatori di oggi, che non vogliono portatili pesanti, alimentati da cavi e con un numero frustrante di accessori”. Lo stesso Amon ha proseguito affermando che “grazie alla completa compatibilità con l’ecosistema Windows 10, la piattaforma Snapdragon Mobile PC consentirà ai produttori di hardware Windows 10 di sviluppare dispositivi in form factor di nuova generazione e offrire contestualmente – in qualsiasi momento e luogo – esperienze con connettività LTE di classe gigabit”.

Grande soddisfazione anche nel quartier generale Microsoft: “Siamo entusiasti che gli OEM condividano la nostra visione di portare l'esperienza di Windows 10 all’interno dell’ecosistema ARM, alimentato da Qualcomm Technologies”, ha dichiarato Roanne Sones, Group Program Manager di Microsoft. “Questa collaborazione offre ai consumatori qualcosa di nuovo e desiderato: il meglio di un'esperienza di mobile computing unita al meglio di Windows 10 – tutto ciò in un dispositivo sottile, leggero e connesso”.

Scendendo nei particolari tecnici, i nuovi computer portatili dotati di SoC Snapdragon 835 SoC includeranno la CPU Qualcomm Kryo 280, la Qualcomm Adreno 540 GPU per la grafica, e altri componenti che di solito non sono integrate sulle schede madri dei notebook: questa particolare configurazione hardware garantirà quindi una maggiore efficienza energetica, tanto che secondo Qualcomm la carica della batteria dovrebbe durare per un intero giorno. Tra l’altro, lo Snapdragon 835 è anche molto più piccolo dei componenti utilizzati nei normali computer portatili, permettendo quindi di dare più spazio a batterie più grandi.

Infine, occorre sottolineare che i nuovi Mobile PC avranno preinstallata la versione completa di Windows 10. Quindi niente Windows 10 S, che consente solo di scaricare applicazioni dal Windows Store, né il prossimo Windows 10 ARM che avrà una limitata compatibilità. L’utente potrà così vivere appieno l’esperienza d’uso si Windows 10 ed eseguire praticamente qualsiasi programma o applicazione sviluppate per piattaforme Intel o AMD. Quindi tutte le applicazioni UWP (Universal Windows Platform) disponibili sul Windows Store potranno essere eseguite nativamente su Windows 10 su Snapdragon 835 e anche i vecchi programmi legacy win32 potranno essere eseguiti senza problemi tramite emulazione software, senza alcun calo di prestazione.