È stato giudicato non conforme al Codice di Autodisciplina Pubblicitaria lo spot che promuove la nuova opzione ‘Noi2’ di Wind, di recente lanciata dalla compagnia telefonica. A provocare il provvedimento di interruzione dello spot, deciso dal Giurì, la mancata precisazione dell’esistenza di un canone mensile di 2 euro per l’opzione ‘Noi2’, come pure la scarsa evidenza del limite dei 500 minuti per quanto riguarda le chiamate gratuite ottenibili grazie all’opzione. Il Giurì, che quest’autunno aveva bocciato la campagna pubblicitaria per ‘Tua’ di 3, ha invece ritenuto confermi al Codice di Autodisciplina gli spot di Vodafone relativi alla ‘Summer Card’ e alla ‘S.Valentino Card’.