Microsoft ha iniziato a testare il servizio di streaming per giochi Project xCloud per PC Windows 10. Il colosso di Redmond ha infatti realizzato la versione in anteprima, che consente di giocare ai giochi di Xbox su un normale PC, a disposizione quindi di tutti coloro che hanno un PC con account Windows. Da una prima indiscrezione possiamo scoprire le prime caratteristiche, grazie a delle schermate in anteprima che sono riusciti ad ottenere i colleghi oltreoceano di The Verge.

Microsoft e l’app di streaming Xbox per PC Windows

Come per le versione Android o iOS, c’è bisogno di un controller Xbox One Bluetooth, un account Microsoft ed una connessione ad Internet ultra-veloce. Con l’app per PC si potranno giocare i titoli presenti su una console Xbox One localmente o in remoto; il tutto avviene invece, per non utilizzare i server blade xCloud di Microsoft. Al momento ci sono una varietà di giochi disponibili per i dipendenti Microsoft, tutti da testare, ma per il momento, l’applicazione è limitata a uno streaming a soli 720p. In una nota di supporto, Microsoft specifica infatti:

Questa anteprima interna funziona a una risoluzione di 720p con 1080p proprio dietro l’angolo.

L’esperienza utente è molto simile a quella che si può avere su Android e iOS; anche l’interfaccia e il modo in cui si accede e si riproducono i giochi in streaming è pressoché simile. Tutto sembra essere pronto per essere testato ulteriormente, e probabilmente anche Microsoft lo distribuirà ai beta tester esterni.

I server blade xCloud sono stati recentemente aggiornati, al fine di includere ben otto consolle Xbox One S in un’unica istanza all’interno del server. Il prossimo step per Microsoft è quello di trasferire questi server all’interno del processore di Xbox Series X.

Il nuovo SoC presente sulla stazione gaming di nuova generazione, consentirà ben quattro sessioni di gioco Xbox One S in contemporanea grazie ad un singolo chip. Grazie ad un nuovo codificatore video – interno alla consolle – sei volte più veloce di quello attuale, l’azienda di Redmond lo sostituirà a quello esterno utilizzato sui server xCloud.

L’obiettivo di Microsoft è quello di lanciare xCloud nel corso del 2020, con il supporto al controller per PS4 e allo streaming su PC con Windows 10. Verosimilmente vedremo anche Project xCloud con Xbox Game Pass entro fine anno, per consentire ai giocatori di trasmettere in streaming i titoli dal servizio di abbonamento.

Fonte:The Verge