Un nuovo caso di Galaxy Note che prende fuoco si è verificato in Cina. Quando però il proprietario si è rivolto a Sasmung per avere un altro smartphone in sostituzione ha ricevuto come contro-offerta un altro Galaxy Note 7! Lo riporta il Il New York Times che descrive l’indignazione dell'utente.

Un frame del video
Un frame del video

Da ex vigile del fuoco, lo sfortunato utente ha girato un video (postato dal prestigioso quotidano americano), in cui mostra il suo Galaxy Note 7 fumare. Due giorni dopo la sua segnalazione a Samsung, si è visto presentatare a casa due persone qualificatesi come rappresentanti della società coreana. Secondo la testimonianza dell'uomo, la coppia gli avrebbe offerto un rimborso di circa $900 e, in sostituzione, un altro Galaxy Note 7.
Per accettare denaro e nuovo smartphone, l'ex vigile avrebbe dovuto eviatare di mostrare il video in giro.

L'uomo ha rifiutato l'accordo, mostrandosi contrariato per l'atteggiamento di Samsnung, società che aveva dichiarato ai consumatori cinesi che i Galaxy Note 7 venduti nel Paese non avrebbero avuto problemi, facendo parte del lotto difettoso.
L'episodio, ovviamente, è tutto da verificare. Resta quanto affermato da Di Jin, research manager per l'IDC in Cina, riguardo alla serie incredibile di episodi che hanno colpito il Galaxy Note 7: «Il
marchio è stato già danneggiato.
Sarà davvero difficile per Samsung riconquistare la sua quota di mercato nel prossimo futuro».