Nonostante l’anno che si sta per
chiudere possa essere senza dubbio identificato come uno dei peggiori della
storia recente della comunicazione mobile, il 2002 dovrebbe essere l’anno della
rinascita. Ad affermarlo è Timo Toikkanen, Nokia general manager per Hong Kong
e Macao. Secondo Toikkanen, infatti, il 2001 si chiuderà con meno vendite del
previsto, solo 380 milioni di terminali venduti globalmente, ma il 2002, in
particolar modo per il mercato asiatico, sarà ricco di soddisfazioni.


Timo Toikkanen mostra due prototipi 3G di Nokia

La percentuale di mercato di Nokia
è scesa, nell’ultimo periodo dell’anno, al 33%, rispetto al 35% dei primi mesi
del 2001, il che è dovuto soprattutto alla tardiva uscita dei nuovi terminali
GPRS. Nokia è intervenuta tagliando alcune migliaia di posti di lavoro, per
fronteggiare l’eventuale crisi. In questi ultimi giorni dell’anno, però, le
vendite stanno andando a gonfie vele, in particolar modo quelle dei nuovi 8310
e 5510.

Il piccolo GPRS 8310 è un vero
e proprio successo, secondo Toikkanen, che supera ogni più rosea previsione
di Nokia. I rivali di mercato del colosso finlandese, in particolare Motorola
e Sony Ericsson, sono molto più competitivi di quanto non lo fossero nei mesi
precedenti e per questo Nokia prepara, per il 2002, un lancio eccezionale di
nuovi cellulari.

Mai nella storia di Nokia sono
stati lanciati tanti nuovi modelli come quelli che vedranno la luce nel 2002.
Tra i più attesi vi è senza dubbio il 7650,
terminale dotato di Symbian OS, con display a colori e diverse funzioni multimediali,
tra le quali la compatibilità Java, funzionalità che Toikkanen reputa indispensabile
per i terminali del prossimo futuro.

Resta, a ogni buon conto, un dubbio
a Toikkanen. Nonostante le ottime vendite di terminali GPRS, non solo Nokia,
il servizio in se è poco utilizzato, probabilmente per la scarsa attrattiva
e la poca informazione da parte degli operatori. Secondo il general manager
nel 2003 il 50% dei cellulari Nokia venduti sarà GPRS, di conseguenza i servizi
a valore aggiunto dovranno per forza di cose essere utilizzati dall’utente finale.

In particolare una delle killer
application sarà la possibilità di inviare e ricevere e-mail direttamente sul
proprio telefonino, come oggi succede con gli SMS. Un altro punto di forza saranno
i nuovi MMS, messaggi multimediali con immagini, suoni e testo. Nokia intende
lanciare sempre più terminali con funzioni dati complesse, senza per questo
rinunciare alla funzione primaria del telefono, ovvero comunicare via voce a
distanza.

Nei primi mesi del 2002 Nokia lancerà
anche una versione in lingua cinese del 9210
Communicator, per competere ancora di più in un settore che la vede, per ora,
assoluta protagonista, ovvero quello degli smart phones, che sta per affrontare
l’assalto del gigante mondiale Microsoft, pronto a lanciare il suo sistema operativo
per smart phones, Stinger, con il primo cellulare compatibile, il Sendo Z100,
atteso per i primissimi mesi del 2002.