Moody’s, società di New York che si occupa di analisi e ricerche in materia finanziaria, ha pubblicato l’ultimo studio da cui emerge un’ulteriore conferma della non rosea situazione in cui vive attualmente Nokia. Il senior debt rating dell’azienda finlandese, ovvero il rating che riguarda il debito privilegiato che viene rimborsato in via prioritaria ai creditori in caso di insolvenza da parte della società, è stato abbassato da A2 ad A3, mentre il rating dei debiti a breve termine passa da Prime-1 a Prime-2. Il Senior Vice President di Moody’s Wolfgang Draack ritiene che la contrazione sia dovuta alla debolezza sul mercato da parte di Nokia proprio sul suo core business, ovvero la produzione di telefoni e smartphones, andando a creare una condizione di carenza di fondi e di assottigliamento del margine. Il SVP di Moody’s riassume in quattro punti le motivazioni di questo abbassamento del rating: “Sistema Operativo rigido, lentezza nella immissione di nuovi modelli sul mercato, maggiore innovazione da parte dei concorrenti, competizione in termini di prezzi sempre più agguerrita per i telefoni di fascia bassa”. Questa nota fa eco alla recente decisione da parte di Standard&Poor’s di ridurre il rating del credito di Nokia. Urge al più presto l’immissione sul mercato dei nuovi telefoni con l’ultima versione di Windows, WP7, e, in attesa di ciò, vediamo se il restyling di Symbian sarà sufficiente a rallentare la caduta. Nokia
Quartier Generale di Nokia

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum