Una recente ricerca della società
specializzata Frost & Sullivan, ha messo in risalto il calo dell’utilizzo delle
carte telefoniche, rimpiazzate sempre più dai cellulari.

Il settore delle carte telefoniche
si divide in prepagate e postpagate. Quest’ultime, dette anche carte di credito
telefoniche, sono per lo più utilizzate dagli uomini d’affari, in particolar
modo per connettersi ad Internet con i loro PC portatili. Vista anche la situazione
corrente, le aziende preferiscono utilizzare carte postpagate, evitando di spendere
soldi prima di ricevere un servizio. Nonostante ciò, l’uso della carte telefoniche
prepagate conosce un certo aumento, soprattutto tra la clientela consumer.

L’arrivo delle connessioni mobili
a banda larga toglierà alle carte di credito telefoniche il mercato degli uomini
d’affari che le utilizzano per navigare in rete con i proprio notebook. D’altronde
tutte le aziende telefoniche continueranno a produrre questo tipo di carte,
soprattutto per il miglioramento in termini di immagine che esse danno. Le carte
prepagate sono utilizzate moltissimo dagli stranieri presenti nei vari paesi,
alcune hanno addirittura delle tariffe speciali per vari paesi d’oltremare.

Ciò nonostante il mercato non salirà
di molto. Passerà dagli attuali 1.08 milioni di dollari, a 1.32 milioni di dollari
nel 2007. Il settore delle carte di credito telefoniche invece calerà repentinamente,
dagli attuali 273 milioni, a 95 milioni del 2007, con oltre l’85% dei ricavi
generati da clientela business. Il cellulare sarà la causa principe di questo
calo, visti anche gli abbassamenti dei prezzi del roaming internazionale e delle
chiamate intercontinentali.