Apple sarebbe a lavoro su un iPhone che si piega, un foldable phone, diverso da quello che ha in mente la maggior parte degli altri produttori: sembra più simile a Moto Razr 2019. Lo schermo flessibile potrebbe servire a contenere le dimensioni del terminale, più che ad offrire un display più ampio: almeno questo è quello che sembra emergere dall’ultimo brevetto.

Apple: iPhone si piega e diventa più piccolo

Forse è una delle idee più interessanti: la possibilità di piegare uno smartphone per compattarne le dimensioni potrebbe – per certi aspetti – rispondere meglio alle esigenze di molti utenti. Infatti, non sempre la possibilità di avere in tasca un display da 8/10″ alletta quanto un terminale che si tiene nel palmo di una mano, ma all’occasione raggiunge i 6″ di un device classico.

Probabilmente, Apple punta proprio a questo con il suo primo iPhone pieghevole. Un design molto in stile “a conchiglia”, parecchio di moda sui telefoni cellulari ed abbandonato quasi completamente con l’avvento degli smartphone. Il brevetto, depositato all’USTPO (United States Patent and Trademark Office) mostra proprio un terminale che si chiude su se stesso dimezzando le sue dimensioni. Purtroppo, non viene evidenziato se il colosso di Cupertino ha previsto anche un possibile secondo schermo esterno, che permetterebbe di interagire con il device anche mentre è chiuso.

L’idea che un Moto Razr possa tornare sotto forma di smartphone pieghevole ha già entusiasmato il pubblico e siamo sicuri che anche un possibile iPhone pieghevole di questo tipo potrebbe essere ritenuto particolarmente interessante. Tuttavia, vi ricordiamo che comunque si tratta soltato di un brevetto, potrebbe essere l’inizio di un progetto che vedrà la luce oppure soltanto un’idea che rimmarrà nell’affollato cassetto dei brevetti incompiuti, che ogni produttore custodisce da qualche parte.

Di una cosa però siamo certi: lo smartphone pieghevole di Apple – presto o tardi – sarà realtà. Bisogna solo capire come sarà sviluppato il modello definitivo.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: PocketNow