Prendi un iPhone o iPad sul quale vuoi eseguire il jailbreak, assicurati che sia compatibile, armati di un dispositivo Android, un cavo che colleghi i due device e sei pronto: pochi minuti e il device della mela morsicata avrà a bordo Cydia. Non è fantascienza.

iPhone: per il jailbreak, basta un Android

La procedura è stata mostrata per la prima volta su Reddit, dove un utente ha mostrato in video come eseguire lo sblocco di un iPhone a partire da uno smartphone Sony, naturalmente equipaggiato con Android.

Il sistema utilizza il metodo Checkra1n sfruttando l’exploit checkm8, che funziona praticamente su qualsiasi iPad e iPhone con a bordo il sistema operativo iOS 12.3 e successivi. Basterà collegare il device a un terminale Android sul quale ci siano i permessi di ROOT – e che sia equipaggiato con il tool per eseguire il jailbreak – e il gioco è fatto: dopo la procedura automatica, Cydia comparirà su iPhone o iPad.

La possibilità di utilizzare su Android questo strumento di fatto fa da apri pista al massimo della comodità in mobilità. Infatti, i metodi di jailbreak a oggi disponibili sono tutti ti tipo tethered, ovvero hanno bisogno che l’iPhone “sbloccato” sia collegato al dispositivo in grado di eseguire il jailbreak ogni volta che vengono riavviati. Nel caso in cui il dispositivo in questione non fosse un PC, ma uno smartphone Android, riaccendere il melafonino in mobilità sarebbe decisamente più comodo.

Disponibile per il momento solo in beta, il nuovo strumento che permette di eseguire il jailbreak di iPhone a partire da Android promette di rivoluzionare completamente il modo in cui ci approcciamo a questo tipo di procedura.

Fonte:Reddit