La Cina non è più la patria dei dispositivi economici. Sebbene questi siano i prodotti più ricercati in una costante lotta al prezzo più equilibrato, Apple ha cambiato le carte in tavola: il successo di iPhone 6 si è fatto sentire anche in quel di Pechino. Secondo quanto ha riportato Bloomberg, che cita dati raccolti da IDC, il prezzo medio di vendita in Cina è salito da 192 a 263 dollari da settembre 2014 a marzo 2015. Si tratta di un considerevole aumento del 37 per cento.

iPhone 6
iPhone 6

Un risultato reso ancora più interessante alla luce del mercato cinese stesso: il numero dei dispositivi spediti si è ridotto del 4 per cento negli ultimi mesi, la prima volta in sei anni. Ciò significa che la proporzione si è spinta verso gli smartphone a prezzo più alto, di cui l’ultimo top di gamma Apple, così come la sua variante con schermo da 5,5 pollici iPhone 6 Plus, si è fatto portabandiera: le vendite dei prodotti della “mela morsicata”, infatti, sono salite del 62 per cento rispetto allo stesso periodo del 2014.

Prezzo medio in Cina
Prezzo medio in Cina

Bryan Ma, analista presso IDC, ha esplicitamente fatto il nome dei due smartphone: “Il più recente aumento è un riflesso della popolarità di iPhone 6 e 6 Plus”. Il prezzo di vendita medio è ancora inferiore a quello globale, che arriva invece a 297 dollari, ma la differenza è ora di 34 dollari, un margine notevolmente inferiore rispetto a qualche mese fa.

Una dimostrazione pratica di quanto la Cina sia ora un mercato differente. Inoltre, smentisce il trend di mercato di questi anni, dove le aziende locali e non solo hanno cercato di darsi battaglia nella fascia bassa e ottimizzando il prezzo di vendita dei propri prodotti di punta.