Alcune società ed università della
Germania, della Svezia e del Regno Unito hanno dato vita al Wisdom (Wireless
Information Services for Deaf People on the Move), un progetto che ha lo scopo
di mettere a disposizione dei non udenti nuove possibilità di comunicazione.

Per Jim Kyle, professore presso il centro per non
udenti dell’ Università di Bristol, ‘la comunicazione è un fattore
cruciale per consentire ai non udenti di integrarsi perfettamente nella società.
Sarà possibile realizzare un sistema di comunicazione visivo e creare
applicazioni che tutti potranno utilizzare sulle reti mobili della terza generazione’.
‘L’utenza delle persone non udenti – conclude Kyle – sarà il metro con
cui misurare il successo della telefonia mobile del ventunesimo secolo’.

Il gruppo britannico Vodafone ha dato pieno supporto
all’iniziativa e ritiene che questi servizi miglioreranno notevolmente con l’
UMTS. ‘Lo sviluppo delle reti della terza generazione – dichiara Paul Donovan,
managing director presso la Vodafone – porteranno ad un progresso sociale e
tecnologico per i non udenti’.