Negli ultimi tempi i cellulari muniti di fotocamera sono stati protagonisti di numerosi fatti di cronaca, quasi sempre utilizzati da giovani per riprendere violenze, atti di bullismo ed altro.
È stato presentato, però, un brevetto per utilizzare la fotocamera anche per autodifesa.
Il brevetto prevede la presenza di un ‘panic button’ da premere in caso di aggressione che permetterebbe di scattare una foto dell’aggressore ed inviarla alle autorità, insieme ai dati relativi alla posizione del telefono.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum