La maggior parte delle aziende sono ormai ampiamente consce dell’importanza che rivestono i dati in formato digitale. Negli ultimi anni si sono verificati episodi allarmanti riguardanti la violazione di dati o guasti dei sistemi che hanno fatto sì che i responsabili IT focalizzassero il proprio interesse sul disaster recovery.” Afferma Pietro Calderara, Responsabile Marketing Sud Europa, Novell.
Mentre tutti sono consci del fatto che i dati aziendali devono essere protetti e avere un adeguato sistema di back-up, molti dipartimenti IT non stanno prendendo abbastanza sul serio il tema del disaster recovery nel suo complesso. Laddove si verificasse un errore del sistema – in seguito ad incendi, furti o attacchi di hacker – un’azienda potrebbe essere in grado di ripristinare i propri dati digitali, ma potrebbero volerci settimane per ricostruire da zero l’intera infrastruttura IT.
Avere a disposizione un sistema completo di disaster recovery era in passato costoso e complesso e quindi mero appannaggio di chi poteva permetterselo. Oggi la rapida ascesa della virtualizzazione ha fatto sì che questo tipo di protezione possa essere invece implementata da aziende di qualsiasi dimensione.
Molti respons

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum