Gli smartphone di casa OnePlus continueranno ad eseguire il software OxygenOS anche dopo la fusione con OPPO appena svelata.

OnePlus si fonde con OPPO: addio alla OxygenOS?

Il fondatore e CEO di OnePlus Pete Lau ha annunciato che la società si fonderà con OPPO. Sebbene questo sia un annuncio importante, non sorprende dato che entrambe le società, di proprietà di BBK Electronics, hanno unito il loro team di ricerca e sviluppo lo scorso anno e Lau ha assunto ulteriori responsabilità presso la consociata OPPO al fine di gestire anche la loro strategia di vendita.

Di recente, gli smartphone della serie OnePlus 9 lanciati in Cina eseguono il sistema operativo ColorOS di OPPO basato su Android, invece della versione proprietaria della HydrogenOS, che è una versione cinese di OxygenOS.

Quindi, qual è il futuro di OxygenOS dato che OnePlus si è ora ufficialmente fusa con OPPO? Bene, sembra che il sistema operativo di OnePlus continuerà ad essere adoperato nei device occidentali. La società ha confermato a MySmartPrice che i telefoni del marchio continueranno a eseguire l'interfaccia utente personalizzata di OxygenOS basata su Android.

Tuttavia, esiste la possibilità che in futuro la OxygenOS possa avere un design e una funzionalità simili alla ColorOS. Ma questa è solo una speculazione in questo momento e dovremo aspettare alcuni mesi per saperlo con certezza.

In futuro, la società di OP funzionerà come un sub brand di OPPO, ma il marchio rimarrà lo stesso e continuerà a operare in modo indipendente, afferma Pete Lau. Ha detto che la mossa aprirà più risorse all'azienda che potrebbero essere impiegate per creare prodotti migliori. Ha anche affermato che l'integrazione renderebbe l'azienda più efficiente in aspetti come aggiornamenti software più veloci e stabili per gli utenti. Staremo a vedere.

Voi preferireste avere il firmware ColorOS o amate la skin simil-stock di OnePlus?

Fonte:MySmartPrice