In queste ore sono trapelate le prime foto ufficiali delle cover per il futuro flagship di casa Huawei; stiamo parlando del Mate 40 Pro, uno dei quattro modelli che il colosso cinese dovrebbe presentare nel corso del mese corrente in Cina. Secondo gli ultimi rumor, è stato riferito che l’azienda lancerà quattro varianti del device, inclusa la solita versione RS Porsche Design. Prima del lancio però, i colleghi di Gizmochina sono riusciti a metter le mani sulle immagini esclusive delle custodie della variante Pro, mostrandoci quello che sarà il bizzarro modulo della fotocamera.

Mate 40 Pro: bizzarro il modulo fotografico

Le foto indicano che Huawei sta scegliendo un alloggiamento circolare per le lenti a bordo, mantenendo però un design differente da quello visto sulla gamma Mate 30 del 2019; non soltanto si assottiglia sui bordi, ma i sensori sembrano essere disposti in modo alquanto diverso. In alto invece, si nota un’apertura rettangola per la fotocamera periscopica/teleobiettivo, mentre alla sinistra (in posizione “ore 9”) ci sarebbe un flash LED a forma di pillola. Disposti in un arco invece, ci sono tre fori di dimensioni differenti per le altre ottiche a bordo.

Come potete notare, questo layout della fotocamera è abbastanza insolito, ma non saremo sorpresi di vederlo anche su device di altri produttori dopo che la compagnia lo presenterà sulla serie Mate 40.

Ricordiamo che la gamma di smartphone premium prossima all’arrivo avrà a bordo il Mate 40 Pro alimentato dal Kirin 9000 e verrà fornito con un display AMOLED waterfall con doppio intaglio per le selfiecam. Il telefono dovrebbe contenere una grande batteria con supporto per la ricarica rapida via cavo e wireless; inoltre, pare che presenterà la ricarica wireless inversa e che eseguirà la EMUI 11 basata su Android 10, out-of-the-box.

Purtroppo, il SoC Kirin 9000 di HiSilicon sarà l’ultimo realizzato dal chipmaker TSMC per l’azienda cinese; il motivo? Ovviamente il ban imposto dal Governo degli USA che vieta la commercializzazione con Huawei alle aziende americane o straniere che adottano componenti statunitensi.

Fonte:Gizmochina