Google ha deciso di dire addio ai tablet e di concentrarsi solo sui computer portatili.

Addio tablet, da ora solo notebook

Effettivamente, Google non aveva annunciato alcun tablet quest’anno e l’ultimo prodotto di questo tipo è stato Pixel Slate, uscito nel 2018. Anche se erano trapelati rumor sul fatto che l’azienda di Mountain View stesse lavorando su due nuovi tablet, all’inizio di questa settimana big G ha annunciato di voler abbandonare completamente l’attività su questo tipo di dispositivi per dedicarsi completamente sull’universo dei laptop.

A confermare le voci è stato direttamente un portavoce di Google: la notizia è stata rivelata mercoledì durante una riunione interna e, a quanto pare, la multinazionale americana sta attualmente lavorando per riorganizzare il lavoro dei dipendenti che si stavano dedicando a progettare device che ora sono stati abbandonati. Molti di loro, secondo il rapporto, si sono già spostati nella divisione dedicata ai portatili.

Per quanto riguarda i tablet messi da parte, i soli dettagli emersi hanno rivelato che fossero di dimensioni più piccole, rispetto ai prodotti esistenti di Google, e privi di tastiere. Dato che erano in una fase di sviluppo embrionale, non era stato assegnato loro alcun nome in codice per un riferimento interno.

Per quanto riguarda il futuro, un portavoce di Google ha dichiarato che probabilmente entro la fine del 2019 verrà lanciato un nuovo portatile Pixelbook orientato al laptop entro la fine di quest’anno. Il Pixel Slate esistente (primo ibrido di Mountain View con Chrome OS; si tratta di un dispositivo 2 in 1, un tablet che può essere trasformato in un notebook) continuerà a essere supportato e a ricevere aggiornamenti regolari del software fino al giugno del 2024.

In buona sostanza, Google sta rifocalizzando i propri sforzi sui computer portatili, mentre si sta definitamente allontanando dall’universo tablet.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: Computerworld