La funzionalità Smart Compose di Gmail era stata annunciata già da un po’ di tempo da Google, al suo keynote dello scorso anno, ma solo ora l’ha finalmente implementata per tutti gli utenti su Android e iOS, dopo averla resa disponibile per gli utenti G Suite che utilizzano la versione desktop di Gmail.

Scrittura Intelligente: come funziona

Grazie a questa feature, che supporta diverse lingue tra le quali anche l’italiano, scrivere le email da smartphone diventerà più semplice. In pratica, facendo ricorso all’Intelligenza Artificiale, o meglio del machine learning (apprendimento automatico), Gmail sarà in grado di suggerire i termini successivi a ciò che si sta scrivendo e, scegliendo le opzioni proposte, di completare automaticamente la frase. Inizialmente Google suggerirà frasi comuni e indirizzi pertinenti a quanto si sta scrivendo (ad esempio inserendo la parola casa o ufficio suggerirà questi indirizzi), mano a mano che lo si utilizza, il sistema imparerà in modo intelligente i termini e le frasi più utilizzate dagli utenti, proponendoli di volta in volta in base ad un algoritmo predittivo.

Si tratta di un ulteriore avanzamento, rispetto a quello reso disponibile precedentemente che rendeva più semplice la risposta alle e-mail, grazie alla funzione “Risposta Intelligente“. Ora, con Smart Compose, Google rende più facile anche comporre le email, anche da mobile.

Smart composte: come abilitarla/disabilitarla

La funzione Smart Compose sarà abilitata di default per tutti gli utenti di G Suite, ma sarà possibile disattivarlo in qualsiasi momento semplicemente accedendo alle impostazioni generali di Gmail e disabilitando l’opzione “Smart Compose -> Disabilita suggerimenti”. Ovviamente è sempre possibile abilitare di nuovo l’opzione selezionando, nello stesso menu, la voce “Scrittura Intelligente -> Mostra suggerimenti di scrittura predittivi“.

Aggiornamento Gmail: quando arriverà

La funzione Smart Compose, o Scrittura Intelligente, a breve sarà disponibile per tutti gli utenti Android e per tutte le edizioni di G Suite, con priorità per gli utenti G Suite, ed entro i prossimi 15 giorni agli utenti iOS.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: Google