Un processo attualmente in fase di test permetterebbe di usare lo zucchero per far funzionare nel modo più efficiente le normali batterie presenti negli smartphone. Tale processo si basa su una scoperta fatta quattro anni fa dai geni del MIT: un cavo fatto di nanotubi di carbonio illuminato su entrambe le estremità e rivestito con materiale combustibile. Lo zucchero viene utilizzato per riscaldare i nanotubi di carbonio e creare la corrente elettrica.

batterie caricate con lo zucchero
Presto batterie caricate con lo zucchero?

Test effettuati in precedenza avevano prodotto piccole quantità di energia elettrica mentre ora, un professore di ingegneria chimica del MIT, Michael Strano, ha aumentato l’efficienza del processo di più di mille volte. Il professore si è anche meravigliato che tale processo non sia stato studiato in precedenza. In ogni caso, Strano ha aggiunto che altri materiali possono essere ancora più efficienti, tutto sta a trovarli. La cosa importante è che venga prodotto del calore in grado di riscaldare i nanotubi di carbonio.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum