Ci siamo talmente tanto concentrati sui possibili rischi di sicurezza ai quali l’uso di FaceApp ci avrebbe potuto esporre, da non esserci resi conto che – intanto – sul Web c’era un problema ben più serio legato all’app del momento. Infatti, alcuni malintenzionati avrebbero cavalcato l’onda di successo dell’applicazione di fotomontaggi per organizzare una truffa ben sponsorizzata, quella di FaceApp Pro, che potrebbe aver fatto migliaia di vittime.

FaceApp Pro non è una vera app

Qualche giorno fa lentamente si è diffusa sul Web la notizia dell’esistenza di una versione “Pro” di FaceApp – diversa dalla classica applicazione disponibile per iOS e Android – che avrebbe permesso di accedere a contenuti esclusivi e filtri introvabili. Naturalmente, a questa versione – tanto per renderla più appetibile – si avrebbe potuto avere accesso gratuitamente seguendo determinate istruzioni.

Secondo gli esperti di sicurezza informatica di ESET, tutta la faccenda altro non è che una truffa, organizzata per ottenere – da parte dei malcapitati utenti – la visione di pubblicità e l’iscrizione di servizi a pagamento: tutto mentre la vittima continua a cliccare su link che dovrebbero permettere il download dell’app, ma in realtà rimbalzano su siti Web non meglio identificati. Addirittura, per conferire autenticità alla presunta FaceApp Pro, sono stati pubblicati dei video tutorial su YouTube che spiegherebbero come utilizzarla.

Face App Pro non esiste come app stand alone. Si può scaricare solo, gratuitamente e dagli store di app ufficiali, FaceApp. Nel caso in cui si desideri accedere a filtri e contenuti aggiuntivi, lo si può fare direttamente tramite acquisti in-app.

Fonte:ESET