ENEL, che controlla la società di telefonia Wind, ha comunicato ufficialmente di non aver sottoscritto alcun accordo con NTT DoCoMo per il passaggio di una fetta di azioni Wind sotto controllo nipponico subito dopo la prossima quotazione in Borsa. ‘Al momento non c’è alcun accordo con gli operatori per la vendita di Wind – afferma ENEL in una nota – Restano aperte tutte le opzioni possibili che, però, verranno valutate dopo il raggiungimento dell’ indipendenza finanziaria prevista a fine 2004′. Secondo alcune indiscrezioni ENEL si appresterebbe a vendere il 25% di Wind ad NTT DoCoMo, mantenendo un restante 35% e piazzando il 45% delle azioni sul mercato.