Apple ammette che iMessage per Android è stato ucciso per mantenere l’applicazione come un’esclusiva dei soli possessori di iPhone. Di fatto, il famigerato “lock-in” è reale e l’azienda lo ha appena ammesso.

iMessage serve per mantenere fedeli i clienti

Il conflitto legale tra Epic Games e Apple ha già avuto delle ricadute abbastanza consistenti. Il tribunale dell’opinione pubblica ha già fatto pressioni su Apple e Google per ridurre le commissioni di mercato per gli sviluppatori all’interno dell’App Store e del Play Store. Ora un nuovo deposito del tribunale di Epic Games sta aprendo un nuovo vaso di pandora: l’argomento in questione? Il famigerato iMessage.

Non è un segreto che Apple mantenga una serie di prodotti e servizi proprietari per impedire ai suoi utenti di saltare casualmente a piattaforme concorrenti, ma pochi hanno avuto lo stesso successo di iMessage. In preparazione per il processo che inizierà il 3 maggio, Epic Games ha presentato un brief contenente estratti che dimostrano che il team esecutivo di Apple ha preso una decisione intenzionale di limitare iMessage alle piattaforme della mela.

La linea di interrogatorio nelle deposizioni ha lo scopo di dimostrare l’uso da parte di Apple del blocco della piattaforma per creare un monopolio che mantenga gli utenti dipendenti dall’App Store e dal sistema di pagamento in-app, che è stato criticato quando Epic ha lanciato una versione di Fortnite che ha aggirasse tali sistemi.

a) Apple ha riconosciuto il potere di iMessage di attrarre e mantenere gli utenti all’interno del proprio ecosistema. Già nel 2013, Apple ha deciso di non sviluppare una versione di iMessage per il sistema operativo Android. (Cue Dep.92: 22-93: 1.)

b) Il signor Cue ha testimoniato che Apple “avrebbe potuto creare una versione su Android che funzionasse con iOS” in modo tale che “ci sarebbe stata” compatibilità incrociata con la piattaforma iOS in modo che gli utenti di entrambe le piattaforme sarebbero stati in grado di scambiarsi messaggi senza problemi “. (Cue Dep.92: 5-9; 92: 11-16.)

c. Tuttavia, Craig Federighi, Senior Vice President of Software Engineering di Apple e dirigente responsabile di iOS, temeva che “iMessage su Android sarebbe servito semplicemente a rimuovere [un] ostacolo alle famiglie di iPhone che offrivano ai loro figli telefoni Android”. (PX407, a ‘122.)

d. Phil Schiller, un dirigente Apple responsabile dell’App Store, ha convenuto che Apple non dovrebbe offrire iMessage sui dispositivi Android. (Cue Dep.92: 18-93: 1.)

e. Nel 2016, quando un ex dipendente Apple ha commentato che “il [motivo] più difficile per lasciare l’app dell’universo Apple è iMessage. . . iMessage rappresenta un serio blocco “per l’ecosistema Apple, il signor Schiller ha commentato che” spostare iMessage su Android ci danneggerà più che aiutarci, questa e-mail spiega perché “. (PX416, a “610; Cue Dep. 114: 14-115: 2.)”

Le dichiarazioni citano Eddy Cue (SVP of Internet Software and Services) riconoscendo che Apple era in grado di sviluppare una versione di iMessage per Android già nel 2013. Tuttavia, Craig Federighi (SVP of Software Engineering) e Phil Schiller (SVP of Worldwide Marketing) hanno riferito che sarebbe stato dannoso per l’azienda rendere disponibile un software che rimuove un ostacolo per le persone che altrimenti potrebbero voler utilizzare Android al posto di iPhone. Un ulteriore commento di un altro dipendente Apple sottolinea che iMessage è il fattore più importante per mantenere le persone nell’ecosistema Apple e lo definisce “serio vincolo”.

Ovviamente, non ci sono limitazioni tecniche che impediscano ad Apple di sviluppare iMessage per Android e la maggior parte delle persone presume già che questa sia stata una decisione strategica. Il colosso di Cupertino non ha mai commentato l’intenzione di realizzare una versione di iMessage per Android, ma con queste affermazioni uscite allo scoperto, è facile capire perché c’è stato un gran silenzio attorno all’argomento.

Fonte:Android Police