Doogee non è solo un produttore di smartphone. L’azienda cinese si sta dedicando da tempo a realizzare anche diversi device per il settore mobile,  tutta una serie di dispositivi che fungono da accessori (gli americani direbbero companion) per altri apparecchi, come ad esempio power bank, auricolari, case per smartphone, ecc. Tra questi ultimamente ha aggiunto anche un nuovo prodotto: il pico proiettore “Smart Cube P1” , presentato durante lo scorso MWC di Barcellona.

Doogee Smart Cube P1
Doogee Smart Cube P1

Si tratta di un dispositivo alquanto piccolo che nelle forme – e un po' anche nei colori – ricorda il cubo di Rubik; un paralallepipedo di soli 290 grammi con lati da 62mm, ricoperto da pannelli di forma irregolare bianchi, blu, rossi e gialli e un foro da cui sbuca la lente destinata alla proiezione. Serve ovviamente ad avere sempre a portata di mano uno strumento per delle presentazioni, ma non solo. In pratica è come portarsi dietro un grande monitor da installare facilmente e utilizzare in pochi secondi. Il Doogee P1 è sostanzialmente un piccolo cubo colorato in grado di proiettare qualsiasi cosa gli si mandi via cavo o attraverso una connessione senza fili. Supporta infatti diversi tipi di connettività wireless: Bluetooth, Miracast, AirPlay, DNLA e WiFi (anche se purtroppo funzionante esclusivamente alla frequenza di 2,4GHz). Sulla scocca si trovano comunque anche una porta USB standard e una microUSB – ma niente HDMI.

Doogee Smart Cube P1
Doogee Smart Cube P1

Oltre a fungere da proiettore, può anche funzionare come power bank per altri device, facendo affidamento sulla sua batteria da 4.800mAh, o da semplice speaker Bluetooth, sfruttando i due piccoli altoparlanti integrati da 1,2 Watt. Va detto anche che il dispositivo è un vero e proprio PC a sé stante – se vogliamo – dal momento che integra da un processore Amlogic, 8 GB di storage e 1 gigabyte di RAM – il tutto gestito da Android in versione 4.4.
Per la proiezione delle immagini il P1 usa la tecnologia a LED DLP (Digital Light Processing). Il produttore promette immagini grandi 100 pollici di diagonale, a una distanza di appena 3,5 metri, con risoluzione 854 x 480 pixel, contrasto 800:1 e 70 lumen di luminosità (anche se teoricamente sarebbero mille). Bisogna comunque ricordare che questo tipo di dispositivi vanno sempre usati in condizione di buio pressoché totale, visto che il contrasto delle immagini che riescono a riprodurre non è mai particolarmente alto.

Questo mini proiettore – il cui aspetto ricorda un po’ anche un quadro di Mondrian – è uscito da poco dalla fase di prevendita; dallo scorso 31 marzo Doogee ha iniziato a distribuirlo anche in altri mercati, oltre la Cina – come ad esempio la Malesia – al prezzo di 189,99 dollari, ossia circa 169 euro.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum