Google sta testando un sistema di pagamento rivoluzionario che coinvolge alcune attività commerciali nella South Bay di San Francisco. La scena a cui assisteranno stupiti gli avventori di questi negozi si svolgerà così: una persona entra, consuma e, al momento di pagare invece di tirare fuori monete, banconote, assegni o carte di credito si rivolge al negoziante e gli dice semplicemente: «Pago con Google». Quindi, prende e se ne va.

�Pagherò!�
«Pagherò!»

Non c’è trucco e non c'è inganno: il gestore del locale non va in catalessi o rimane ipnotizzato: «Pago con Google» non è l'equivalente di «Costantinopoli» del film La maledizione dello scorpione di Giada di Woody Allen.
È semplicemente il nuovo sistema di pagamento ideato da Google che si chiamerà Hands Free, "a mani libere".

Il tutto funziona così: dopo aver installato l'app Hands Free sul proprio dispositivo Android (versioni 4.2 o successive) o iOS (a partire dall'iPhone 4s), l'utente aggiungerà una propria foto per essere identificato e inserirà una carta di credito (o assocerà il sistema di pagamento al proprio account Google).
Arrivato alla cassa, l'utente dovrà pronunciare semplicemente «Pago con Google»: l'app, che funziona con Bluetooth e WiFi, passerà le informazioni necessarie al cassiere che potrà, quindi, verificare dalla foto l'effettiva identità dell'acquirente e completare il pagamento.
Google ha pubblicato uno spot molto esplicativo che mostra, più di mille parole, la semplicità di questo sistema che permetterà di fare shopping e pagare in tutta naturalezza.
Ovviamente in questa fase di testing non tutte le attività commerciali di San Francisco sono coinvolte: Hands Free funziona, per il momento, in alcuni ristoranti locali, in alcuni McDonald's e nella catena di pizzeria Papa John's.