ColorOS 6 è ufficiale, la nuova interfaccia utente di OPPO è stata annunciata oggi in Cina. Le novità sono tante e comprendono diverse migliorie grafiche e l’utilizzo dell’intelligenza artificiale nella gestione dello smartphone.

ColorOS 6, per gli smartphone borderless

La nuova UI, che arriva in occasione del quinto anniversario dal lancio della prima versione, è stata pensata principalmente per smartphone borderless. Ovviamente, questo non significa che l’aggiornamento arriverà esclusivamente su device con display dai bordi risicati, tuttavia su questi ultimi sarà possibile godere a pieno della nuova esperienza d’uso. Una scelta strategica tutto sommato corretta, considerando che la direzione nello sviluppo di nuovi terminali è proprio questa: si va verso la diminuzione progressiva dei bordi, sostituiti da notch sempre più piccoli o addirittura meccanismi a scorrimento (gli slider) per posizionare altrove fotocamere e sensori.

oppo coloros 6

A livello di ottimizzazione software, l’azienda punta sulla potenza dell‘intelligenza artificiale per ottimizzare l’esperienza d’uso. L’AI studierà per 15 giorni l’utilizzo che l’utente fa del proprio smartphone, individuando le applicazioni più utilizzate. Dopo il periodo di apprendimento, provvederà a non arrestare le app aperte più spesso, lasciandole in uno spazietto della RAM pronte per essere richiamate all’occorrenza. In questo modo è possibile risparmiare tempo all’apertura delle applicazioni ed anche autonomia energetica.

L’interfaccia utente, a livello grafico, è dominata dai gradienti di colore che partono da uno sfondo bianco e sfumano su diverse tonalità verso l’alto. La scelta del bianco, spiega OPPO, non è casuale. L’utilizzo di tonalità chiare trasmette un senso di spaziosità, che chiaramente aumenta su display borderless.

L’arrivo di ColorOS 6, sugli smartphone che la supporteranno, porterà con sé anche l’atteso aggiornamento ad Android Pie. L’elenco dei device che la riceveranno non è ancora stato reso noto mentre l’inizio del rollout è fissato per i primi mesi del prossimo anno. OPPO ha da poco depositato il brevetto di quello che potrebbe essere il suo primo smartphone pieghevole. Se l’azienda dovesse presentarlo ufficialmente il prossimo anno, c’è da chiedersi – a questo punto – se la UI prevista per i device pieghevoli sarà una versione ottimizzata di ColorOS 6 oppure un’interfaccia utente completamente nuova, studiata ad-hoc.

Fonte: Gizmochina