N

elle scorse settimane avevamo parlato della ‘Buzz Tone’, una suoneria udibile solamente da persone sotto i trent’anni, basata sul fatto che, dopo quell’età, diminuisce la gamma di frequenze udibili dall’orecchio umano.
Secondo il magazine scientifico ‘Live SciencÈ invece il fatto che molti trentenni non riescano a sentire suoni più acuti di 16 kilohertz sarebbe un campanello d’allarme su una progressiva perdita dell’udito e non solo un sintomo dell’età. In molte società rurali e poco sviluppate, infatti, molte persone over 30 avrebbero un udito molto migliore di quello dei coetanei che vivono nei paesi industrializzati.
La causa di questa progressiva perdita dell’udito sarebbe principalmente dovuta all’utilizzo massiccio di lettori musicali, stereo ad alto volume, discoteche e un livello di generale di rumore troppo alto nelle città.
Negli ultimi tempi i lettori MP3 e riproduttori con cuffie in generale sono stati accusati del danneggiamento dell’udito degli adolescenti (coloro che lo utilizzano di più).

Per prevenire i danni all’udito gli esperti suggeriscono la regola del 60/60, ascoltare cioé musica in cuffia a non più del 60 per cento del volume disponibile per non più di 60 minuti consecutivi.