Nessun risultato. Prova con un altro termine.

Prodotti

Tutti

Notizie

Tutte

Apple sta eliminando lo smart working: che succede?

Secondo quanto si apprende, sembra che Apple stia reprimendo sempre più il lavoro a distanza; i dipendenti sono arrabbiati e stanno protestando.

I dipendenti Apple affermano che l’azienda sta reprimendo lo smart working. Un lavoratore ha affermato che l’azienda ha persino negato l’alloggio per il lavoro da casa all’ADA.

Apple non ama particolarmente il lavoro da remoto

I dipendenti della società di Tim Cook affermano che è oggi è più difficile che mai ottenere l’approvazione per la richiesta di lavoro a distanza dopo che la società ha lanciato un nuovo modello ibrido che richiederà alle persone di tornare in ufficio tre giorni alla settimana a partire dall’inizio di settembre. Alcuni lavoratori affermano che si licenzieranno se Apple non dovesse cambiare posizione.

Sebbene il colosso di Cupertino abbia scoraggiato i suoi lavoratori allo smart working, ci sono state diverse eccezioni una tantum alla regola e alcuni team erano più indulgenti di altri.

Ora, sembra che anche quelle eccezioni stanno venendo negate. In un canale aziendale Slack in cui si possono osservare i dipendenti che supportano il lavoro a distanza, circa 10 persone hanno affermato di volersi dimettere a causa della politica di lavoro ibrida della compagnia. Segnaliamo che il canale Slack in qustione ha attualmente più di 6.000 membri.

In un sondaggio sul tele-lavoro e sullo smart working condotto dai dipendenti a giugno, il 36,7% degli intervistati ha dichiarato di essere preoccupato di dover lasciare Apple a causa della mancanza di flessibilità (1.735 persone hanno risposto alla domanda).

Il piano di ritorno al lavoro è già stato un punto critico in Apple, quando il personale ha scritto una lettera a giugno chiedendo al CEO di Apple Tim Cook di rivalutare il modello ibrido.

Deirdre O’Brien, vicepresidente senior per la vendita al dettaglio e al personale, ha inviato un video in risposta affermando che il lavoro dal vivo era “essenziale” e dichiarando che l’azienda non si sarebbe tirata indietro dal suo approccio attuale.

Mentre i dipendenti aziendali hanno sicuramente più flessibilità rispetto al personale di vendita al dettaglio, alcuni affermano che la realtà di Cook non è al passo con le altre grandi aziende tecnologiche della Silicon Valley.

Twitter e Facebook hanno già annunciato una politica permanente di lavoro da casa e i dipendenti della mela morsicata affermano di essere stati inondati di messaggi di reclutamento da altre organizzazioni tecnologiche che guardavano ad una potenziale opportunità.

Un utente ha affermato di essere attualmente in un alloggio dell’Americans with Disabilities Act che ha permesso a lui e ad altre persone di lavorare da casa, ma gli è stato detto che ora l’alloggio gli sarebbe stato negato al rientro in ufficio.

In molti scrivono su Slack: “Sarò senza lavoro a settembre”.

Apple concede ai dipendenti 30 giorni per trovare un nuovo lavoro all’interno dell’azienda se il loro attuale team nega un alloggio medico. Ma un lavoratore ha riferito che non ci sono posizioni di lavoro da remoto aperte al momento.

Altri invece affermano che è stato riferito che solo le persone con condizioni mediche documentate sarebbero state autorizzate a lavorare da casa in maniera permanente.

Ma il modulo utilizzato dall’OEM americano per richiedere tale sistemazione chiede loro di allegare le cartelle cliniche alla società, e questo ha messo a disagio diverse persone.

Ora, si sta pensando a come attirare l’attenzione di Apple. La compagnia, al momento, ha rifiutato di commentare questa storia.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Notizie correlate

Pubblicato il 17 lug 2021
Link copiato negli appunti

I confronti HOT di Telefonino

Tutti