Beats è stata acquistata da Apple nel lontano 2014 e – da allora – i prodotti della celeberrima azienda produttrice di dispositivi audio sono in vendita anche sullo store ufficiale del colosso di Cupertino. Non è ben chiaro come mai, ma a pochi giorni dal lancio dei nuovi AirPods, sono arrivati gli auricolari PowerBeats Pro: design più gradevole, ottime specifiche tecniche e supporto a Siri. Apple ha ufficializzato i principali nemici dei suoi stessi accessori?

PowerBeats Pro: i dettagli

Nero, Blu, Muschio oppure Avorio: quattro colorazioni che sembrano una più interessante dell’altra. I nuovi auricolari di Beats sono molto lontani dal design degli AirPods, che hanno letteralmente diviso il pubblico fra chi li ha apprezzati e chi invece non ne ha apprezzato l’estetica. Su entrambi gli auricolari sono presenti pulsanti e sensori che ne semplificano l’utilizzo (controllo volume, pulsante per accettare o rifiutare le telefonate ed accelerometro per rilevare se gli auricolari sono indossati oppure no).

La principale differenza fra i due prodotti è che, quelli lanciati da Beats, possono essere agganciati all’orecchio tramite apposito supporto: questo, unitamente ad una buona resistenza ad acqua e sudore, li rende perfetti per l’utilizzo sportivo per il quale sono pensati. Sulla pagina ufficiale dedicata al prodotto si legge anche di una qualità audio estremamente migliorata: c’è da crederci, quando si tratta di prodotti Beats. Inoltre, gli auricolari della controllata Apple hanno degli adattatori che possono essere cambiati per trovare quelli più adatti ad ogni padiglione auricolare: possibilità che gli AirPods non offrono.

La connessione, chiaramente, è garantita tramite Bluetooth. Quanto all’autonomia energetica, sembra che una sola ricarica sia in grado di garantire fino a 9 ore di riproduzione musicale, ma purtroppo il piccolo astuccio che contiene gli auricolari non supporta la ricarica senza fili, dovrete utilizzare il caricatore Lightning. Probabilmente, l’unica vera nota di vantaggio a favore di AirPods 2, che con i PowerBeats Pro condivide anche il chip H1.

Hey Siri!

Se il design ed il comfort possono essere giudicati in modo soggettivo, ma la possibilità di interagire con l’assistente vocale Apple direttamente tramite i nuovi PowerBeats Pro è certamente un vantaggio che consentirà agli utenti di scegliere liberamente quali auricolari acquistare, senza dover rinunciare alla funzionalità.

Ora l’assistente personale è a portata di voce: quando ne hai bisogno ti basta dire “Ehi Siri”, senza neanche togliere di tasca l’iPhone. Il nuovo chip Apple H1 degli auricolari Powerbeats Pro garantisce connessioni wireless più rapide e stabili ai tuoi dispositivi.

Prezzo e disponibilità

I nuovi auricolari costano 249,95€ ovvero circa 20€ in più dei nuovi AirPods 2. Una cifra non eccessiva, considerando la consistenza dell’investimento. Sullo shop Apple è garantito che i Powerbeats Pro saranno presto disponibili per l’acquisto. Se siete in procinto di acquistare un nuovo prodotto per il vostro ecosistema Apple, ma siete ancora indecisi su quali auricolari scegliere, è bene valutare le differenze oggettive fra i due prodotti ed anche l’uso al quale saranno destinati: se siete degli sportivi, probabilmente i nuovi Powerbeats Pro potrebbero essere la scelta ideale.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum