Le future custodie per iPhone potrebbero essere anti-urto e prepararsi alle cadute in maniera automatica. Piuttosto che fare affidamento su un pezzo di plastica o gomma, le future custodie per iPhone potrebbero rilevare quando il device sta per toccare il suolo, alterando le loro le proprietà fisiche per proteggere meglio il dispositivo.

Apple: le custodie altereranno i loro materiali

È vero che potremmo semplicemente essere più attenti con i nostri costosi iPhone, ma Apple vuole ridurre al minimo la possibilità di danni accidentali creando una nuova custodia protettiva. Questa cover particolare rileverà le cadute e si irrigidirà per garantire una maggiore protezione. Il nome del brevetto è: “Materiali elettromeccanici attivi per la protezione dei dispositivi elettronici portatili“.

I dispositivi elettronici [portatili] possono essere protetti da custodie protettive per evitare gli urti causati da un evento di caduta. Sebbene i recenti progressi tecnologici abbiano portato i produttori di custodie protettive a incorporare una varietà di diversi materiali protettivi per proteggere questi dispositivi elettronici, questi diversi materiali non sembrano essere sufficienti per proteggere completamente i dispositivi in una varietà di circostanze diverse.

In particolare, i materiali passivi sono caratterizzati da un coefficiente di smorzamento statico. [Quindi] questi materiali passivi non possono adattarsi alle differenze di intensità di un evento di caduta. Ad esempio, quando una quantità di forza associata a un impatto supera una soglia di smorzamento fornita dal materiale passivo, il dispositivo elettronico portatile e i suoi rispettivi componenti elettronici rischiaNo di subire danni. Pertanto, è necessario utilizzare materiali attivi in ​​grado di adattarsi a questa varietà di circostanze diverse.

La soluzione fornita da Apple è quella di avere una custodia che sia “in grado di trasportare il dispositivo elettronico all’interno di una [a] cavità” e quindi, con pareti che contengono questi materiali attivi proposti.

[Questo tipo di custodia] include anche un materiale elettromeccanico attivo per regolare la quantità di smorzamento fornita dalla custodia in base alle proprietà mutevoli dell’evento di caduta.

In alcuni esempi, il materiale elettromeccanico attivo include elastomeri magnetoreologici (MRE) o polimeri elettroattivi (EAP). Quando il materiale elettromeccanico attivo viene esposto a stimoli esterni (ad esempio, campo elettrico, campo magnetico, ecc.), il materiale elettromeccanico attivo viene attivato. Successivamente, la rigidità o viscosità del materiale elettromeccanico attivo viene alterata.

Quando lo strato di smorzamento attivo è in una configurazione libera (cioè non stimolata), le particelle magnetiche possono essere distribuite casualmente in tutta la matrice. “Tuttavia, quando [esso] è esposto a un campo magnetico … le particelle possono diventare polarizzati e formare ammassi simili a catene allineate magneticamente.

La custodia può diventare più resistente in prossimità della caduta. Inoltre, sembra che il brevetto parli anche della velocità con la quale l’alterazione può avvenire.

[Una volta] applicati gli stimoli esterni allo strato di smorzamento attivo, il materiale elettromeccanico attivo può subire un cambiamento delle proprietà del materiale nel giro di pochi millisecondi.

Proprio come l’Apple Smart Battery Case contiene circuiti, silicone e batteria, così farà questa. Il brevetto è attribuito a Shravan Bharadwaj.

Fonte:AppleInsider