Apple ha impiegato molto tempo per entrare nel mondo dei pannelli OLED con la sua linea di iPhone. Tuttavia, al giorno d’oggi la maggior parte dei dispositivi dell’azienda utilizza i display OLED prodotti da Samsung. La domanda è in aumento e la società non vuole rimanere dipendente da Samsung. Secondo un rapporto, l’azienda coreana ha fornito il 78% di tutti gli iPhone OLED lo scorso anno e adesso pare che la compagnia di Cupertino stia cercando di diversificare ulteriormente la sua offerta attraverso LG Display e BOE cinese.

Apple vuole avere diversi fornitori di OLED per i futuri iPhone

Secondo i dati di fonti del settore e Omdia Research, Samsung manterrà il suo posto come fornitore numero uno di pannelli OLED. L’azienda coreana accumulerà circa il 65,1% degli ordini OLED totali. Tuttavia, potremmo vedere anche LG Mobile e BOE aumentare le loro quote. Il primo potrebbe portare il 29,6% di tutti i pannelli mentre BOE riempirà il 5,3% degli ordini. Si prevede che Apple fornirà 169 milioni di pannelli OLED in totale per i suoi nuovi melafonini del marchio e 110 milioni di questi saranno forniti da Samsung. In poche parole, 50 milioni per LG e 9 milioni per BOE.

LG Display sta lavorando duramente per rubare alcuni degli ordini Samsung. La società è certamente più interessata ora che sta chiudendo la sua divisione LG Mobile e pare che concentrerà maggiormente i suoi sforzi negli altri segmenti redditizi. Samsung è ancora il nome predominante nel settore degli OLED, ma la concorrenza sta arrivando velocemente.

Secondo il rapporto, il calo della torta di Samsung sarà maggiore di quanto inizialmente previsto. Per Apple, ha perfettamente senso dal punto di vista aziendale avere più partner che forniscono i suoi display OLED. La crisi della catena di approvvigionamento dello scorso anno ha insegnato una lezione difficile per l’azienda con sede a Cupertino, che aveva la maggior parte della produzione di componenti per iPhone concentrata in Cina.

Un portafoglio diversificato di partner aiuterà l’azienda a bypassare possibili carenze di approvvigionamento e le darà, al tempo stesso, maggiore potere contrattuale. Dopotutto, con una maggiore concorrenza, Apple potrebbe negoziare i prezzi e assicurarsi i pannelli dai fornitori che hanno il costo migliore.

Samsung dovrebbe continuare a essere un partner per Apple nel segmento dei display per il momento. Dopotutto, c’è la grande possibilità che un possibile iPhone pieghevole si affidi alla soluzione UTG di Samsung. Secondo recenti indiscrezioni, la mela morsicata lancerà il suo primo iPhone pieghevole entro il 2022 o addirittura il 2023. Partiamo dal presupposto che l’azienda coreana rimarrà dominante in questo segmento.

Fonte:SamMobile