In questi ultimi giorni si è fatto un gran parlare del nuovo Apple Watch, ma Google non vuole restare ai margini dalla partita degli OS per device wearable. Anzi pare che a Moutain View si continui a lavorare sul sistema operativo di casa per dispositivi indossabili. Android Wear insomma prosegue il suo percorso di sviluppo e messa a punto.

Giusto ieri in Rete è sbucato un uovo pettegolezzo riguardo il suo prossimo aggiornamento. La prossima versione del sistema operativo per dispositivi indossabili made in Google conterrà anche il supporto per connessioni di tipo Direct WiFi. Questo significa che gli smartwatch equipaggiata con Android Wear saranno in grado di connettersi con altri dispositivi non solo attraverso la tecnologia Bluetooth, ma anche semplicemente sfruttando il protocollo wireless WiFi.

Orogolio con Android Wear
Questa doppia possibilità di tethering non solo renderà lo smartwatch più versatile, ma potrebbe anche essere un espediente per ridurre il suo consumo di energia.

Dunque con questa nuova funzionalità le notifiche da smartphone e tablet arriveranno allo smartwatch non solo via Bluetooth, ma anche sfruttando direttamente la rete WiFi. Ma attenzione perché questa nuova feature – che non sappiamo ancora quando sarà disponibile – non potrà essere usata su tutti gli apparecchi indossabili Android Wear, ma ovviamente solo quelli che hanno già integrata la tecnologia per le connessioni wireless di questo tipo. Va detto, tuttavia, che la quasi totalità dei device indossabili (in questo momento sul mercato) presenta tale possibilità.

La connessione diretta via WiFi tra i dispositivi non sarà comunque l’unica nuova caratteristica introdotta nel prossimo aggiornamento di Android Wear: pare infatti che i miglioramenti saranno diversi, anche se meno importanti. Usando il “gesture control”, ad esempio, l’utente potrà fare scrolling tra le notifiche e le card di Google Now senza toccare lo schermo del dispositivo, ma scuotendo semplicemente il polso. Modifiche pare siano state apportate poi anche all’interfaccia grafica, piccoli aggiustamenti che riguardano la semplificazione dell’accesso alle app e ai contatti presenti sull’orologio.

Prendete il tutto con le molle però, perché si tratta semplicemente di speculazioni. Non sono informazioni confermate da Google. Un update ci sarà, ma non sappiamo ancora quando. Comunque sia, è lecito attendersi delle migliorie ad Android Wear, dal momento che la competizione nelle ultime settimane si è fatta molto più consistente: la parte della connettività wireless è uno dei punti cruciali, tanto da aver convinto diverse aziende a scartare Android Wear quando hanno dovuto realizzare smartwatch dotati di connettivita 3G o LTE. L’ultimo esempio, in questo senso, è il Watch Urbane LTE di LG.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum