Come spesso avviene, le acquisizioni di aziende minori da parte dei grandi colossi dell’elettronica passano spesso inosservate, salvo poi balzare agli onori della cronaca in relazione a nuovi prodotti che scaturiscono da queste acquisizioni.
E' questo il caso di Annapurna Labs, azienda israeliana produttride di semiconduttori che, lo scorso anno, è stata acquisita da Amazon per 350 milioni di dollari.

Nella giornata di oggi, l'azienda ha annunciato di aver realizzato per conto di Amazon delle CPU "ARM-based"  pensate per i router Wi-Fi ed i dispositivi di streaming multimediale, segnando ufficialmente l'ingresso del colosso di Seattle nel mercato delle CPU, una mossa che potrebbe davvero aprire nuovi scenari di mercato, anche per il settore dei dispositivi mobili.

Router Netgear con CPU Amazon
Router Netgear con CPU Amazon

Ma non è tutto: queste nuove CPU a marchio Amazon sono state utilizzate in prodotti Netgear, Asus e Synology già commercializzati nel 2015, a testimonianza di come l'acquisizione di Annapurna Labs avesse un senso ben preciso.
La logica infatti è quella di riuscire a dare una scossa al mercato dei router Wi-Fi e dei dispositivi di streaming multimediale, che oggi possono contare su una potenza di calcolo molto limitata. 
Secondo Amazon, questo tipo di prodotti saranno i veri protagonisti della casa del futuro, e di conseguenza il piano è quello di creare delle CPU in grado di aumentarne le funzioni e quindi di sfruttarne tutte le potenzialità.

Indubbiamente un progetto ambizioso quello di Amazon, ma che testimonia ancora una volta la visione prospettica che ha condotto questa azienda a dominare il mercato dell'e-commerce, diventando un vero e proprio colosso a livello globale.
Adesso non ci resta che aspettare e vedere se riuscirà a vincere anche questa ennesima sfida.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum