Tutti conoscete Prisma, vero? Riassumendo in breve, si tratta di un’app che utilizza algoritmi intelligenti per rielaborare le foto in modo che assomiglino a dei veri e propri quadri. Sebbene il risultato sia sorprendente, gli utenti sono vincolati a utilizzare un insieme di stili e dipinti scelti dagli sviluppatori di Prisma. La varietà c'è, sia chiaro, ma non è possibile caricare immagini diverse e applicare i nuovi stili visivi alle foto. Ecco, è proprio qui la differenza tra Prisma e Alter, applicazione simile nel funzionamento ma che permette di caricare qualsiasi immagine che si desidera e avere i propri scatti "trasformati" in essa. In pratica, rende possibile agli utenti di di applicare i loro stili personali.

Alter
Alter

Attenzione però: la fotocamera integrata in-app, al momento in cui scriviamo, non consente di mettere a fuoco l'immagine, per cui si consiglia l'uso dell'app di default del telefono. In secondo luogo, l'applicazione richiede un po' di tempo per elaborare le foto, anche un minuto prima che il risultato finale sia completato. Chiunque abbia apprezzato Prisma, può comunque dare una chance ad Alter, che tra l'altro è già scaricabile gratuitamente sia su Android che su iOS.