Sono stati sequestrati migliaia di auricolari Apple AirPods falsi del valore di 7,16 milioni di dollari dalla dogana e dalla protezione delle frontiere degli Stati Uniti.

AirPods false sequestrate dalla dogana: non è la prima volta

Gli ufficiali della US Customs and Border Protection (CBP) a Cincinnati hanno sequestrato tre grandi spedizioni dalla Cina che contenevano falsi Apple AirPods che si stima abbiano avuto un valore di circa 7,16 milioni di dollari americani.

Sono stati sequestrati un totale di 36.000 AirPod fake, con ogni spedizione che conteneva 12.000 unità. Sebbene ogni confezione avesse un valore dichiarato di 5280 $, il prezzo al dettaglio suggerito dal produttore per tutti gli AirPods sarebbe stato di 7,16 milioni… qualora si fosse trattato di un prodotto originale e autentico.

Nella dichiarazione ufficiale rilasciata dal CBP degli Stati Uniti, si afferma che, dopo aver consultato uno specialista di importazione del Centro di eccellenza e competenza di CBP, gli articoli sono stati trovati in violazione del marchio CBP e dei codici di copyright e sono stati sequestrati l'11 e il 13 maggio.

Il rapporto continua spiegando che Apple ha marchi di configurazione sui propri AirPods e ha registrato tali marchi con CBP. Aggiunge inoltre che un'azienda non deve mettere il marchio o il design “Apple” sui propri prodotti per violare questi marchi. In questo caso, un'ulteriore ispezione sulle cuffie TWS ha rivelato che la loro forma e il loro design replicavano la configurazione Apple protetta dal copyright.

Apple AirPods è uno dei prodotti più venduti del gigante tecnologico con spedizioni di circa 114 milioni di unità nel 2020. L'azienda ha un team anti-contraffazione dedicato che ha il compito di rimuovere i prodotti Apple knock-off. L'anno scorso, il team è riuscito a rimuovere più di un milione di elenchi di prodotti per falsi prodotti Apple.

Nelle notizie correlate, riportiamo che si prevede l'arrivo del nuovo modello (AirPods 3) per domani, 18 maggio. Potrebbe arrivare un comunicato stampa all'improvviso, pertanto vi invitiamo a restare connessi per ulteriori informazioni in merito.

Fonte:CBP