L

’agenzia francese DGCCRF (Direction Générale de la Concurrence, de la Consommation et de la Répression des Fraudes) ha presentato una denuncia contro Apple presso il Tribunale Commerciale di Parigi. La società di Cupertino è accusata di stipulare contratti illegali con gli operatori di telefonia mobile francese. L'agenzia francese sostiene che i contratti di Apple con i vettori locali sono significativamente sbilanciati a favore di Apple. La DGCCRF aggiunge che non meno di 10 clausole presenti nei contratti che Apple impone agli operatori sono illegali. Attraverso tali clausole i vettori sono costretti ad acquistare un numero minimo di iPhone nel corso di un periodo di tre anni, pagare per gli annunci di Apple, sovvenzionare in garanzia le riparazioni di iPhone e permettere ad Apple di utilizzare i loro brevetti e il loro marchio.

Apple iPhone SE
iPhone SE, l'ultimo "nato" di casa Apple

Se il Tribunale Commerciale francese desse ragione alla DGCCRF, Apple potrebbe essere costretta a pagare un totale di circa 50 milioni di euro, per la precisione 48,5 milioni. In dettaglio, 14 milioni di euro andrebbero a SFR, Orange otterrebbe 11,6 milioni di euro, Free Mobile avrebbe 8,2 milioni di euro e Bouygues Telecom 6,7 milioni di euro. Apple sarebbe anche costretta a pagare 8 milioni di euro di multa. Apple non avrebbe ovviamente particolari problemi nel pagare tale multa, ma questo caso potrebbe costituire un pericoloso precedente per la società di Cupertino, estendendo le eventuali cause anche al di fuori della Francia. Ritorneremo sull'argomento non appena saranno disponibili ulteriori informazioni.