Nel corso del 2003 sono stati spesi ben 400 milioni di Euro in Italia per servizi mobili a valore aggiunto. Ad affermarlo è uno studio realizzato da Busacca ed Associati e mostrato nel corso del convegno Mobicom 2003. L’offerta di contenuti per i telefonini ha abbandonato la fase pionieristica e naviga verso la consapevolezza e la coscienza delle dinamiche competitive capaci di decretarne successi e fallimenti. In particolare emergono quali variabili fondamentali della competizione sia la capacità dei contenuti di attrarre audience in funzione della forza del marchio che quella di saper adattare il format in modo da rispondere effettivamente alle necessità generate dalle occasioni di utilizzo nelle quali il consumatore si trova.