3 Italia e vistream GmbH, azienda del Gruppo Teleogic, uno dei più grandi Mobile Virtual Network Enabler and Aggregator in Europa, hanno annunciato oggi un accordo esclusivo che permetterà a vistream di lanciare entro fine anno il primo abilitatore-aggregatore di operatori mobili virtuali (MVNE – Mobile Virtual Network Enabler and Aggregator) del mercato italiano.

 

vistream opererà attraverso la rete UMTS di 3 Italia e rivenderà il traffico telefonico acquistato e i servizi correlati a tutte quelle aziende interessate ad entrare nel mercato italiano come MVNO (operatori mobili virtuali), con licenza di ESP (Enhanced Service Provider) o di ATR (Air Time Reseller), garantendo loro un abbattimento fino a 10 volte dei costi di integrazione e di avviamento, oltre che un netto miglioramento in termini di time to market.

 

In particolare, viene introdotto nel nostro Paese un modello di business innovativo che mette a disposizione delle aziende interessate ad operare in qualità di MVNO una piattaforma di servizi completa e integrata nei sistemi di 3 Italia, con la quale vistream potrà rivendere a MVNO, anche di piccole dimensioni, il traffico (voce, messaggistica e dati) acquistato dalla stessa 3 Italia in modalità wholesale. Vistream sarà dunque in grado di offrire ai soggetti interessati un pacchetto di servizi come la fornitura di sim card brandizzate, l’l’attivazione e la gestione dei clienti, la gestione di tariffe dedicate, la fatturazione e i sistemi di supporto al customer care.

 

vistream ha scelto3 Italia anche per il fatto che dispone di una rete più "scarica" rispetto agli altri operatori. Inoltre, 3 Italia ha già avviato un piano di potenziamento che agisce sulla copertura, sulle prestazioni e sulla capacità della rete. Il piano di potenziamento di 3 Italia determina non solo un significativo ampliamento della copertura (oggi raggiunge il 90% della popolazione) ma anche un rilevante salto di qualità nella rete Broadband sia per quello che riguarda la velocità di trasmissione (i 42 Mbps – già disponibili a Milano, Roma, Palermo e Bologna  ed entro fine anno saranno offerti sul 50% dei siti), sia per quello che riguarda la capacità dell’infrastruttura, con il completamento del collegamento “all-ip” della totalità dei siti. 

 

Per Erik Ångman, CEO di vistream e del Gruppo Telogic, ha commentato: "Questo accordo favorirà lo sviluppo di un nuovo mercato di MVNO  in Italia. vistream metterà a disposizione la propria esperienza e la propria infrastruttura per abbattere, attraverso le economie di scala, le barriere di entrata nel mercato alle aziende che desiderano sviluppare il proprio business in Italia. Questo sarà possibile solo grazie a 3 Italia, l’operatore che si è sempre distinto per innovazione tecnolgica e modelli di business pioneristici e capace di capire il potenziale derivante dalla diversificazione del mercato”.

 

Alberto Silva, Marketing and Strategy director di 3 Italia, ha dichiarato: "Grazie alla partnership con vistream, 3 Italia si propone di dare ulteriore slancio al mercato degli operatori virtuali, estendendolo a tutti quei soggetti che hanno sviluppato interesse per iniziative a proprio marchio nei servizi mobili, ma che fino a questo momento riscontravano un livello di investimenti iniziali incompatibili con i propri piani di business. Dunque, anche nel business degli operatori mobili virtuali, 3 Italia conferma il proprio ruolo di operatore innovatore, dedito all’apertura del mercato e che fa della propria leadership tecnologica e dell’elevato “value-for-money” i propri tratti distintivi. L’accordo raggiunto con vistream rappresenta un passo importante nella strategia di posizionamento di 3 nel mercato wholesale”.

 

Vistream, che offre già con successo i suoi servizi sul mercato tedesco, scandinavo e polacco, ha già avviato la sua attività in Italia e ha pianificato il lancio commerciale della prima offerta di servizi su rete 3 entro l’autunno 2011. Vistream ha già siglato un accordo di MVNO con diverse aziende in Italia e sta pianificando il lancio di diversi altri clienti di vistream e del Gruppo Telogic che desiderano espandere il proprio business in Italia.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum