Introduzione


I più hanno storto il naso, agli utenti storici è parso addirittura blasfemo; di cosa stiamo parlando? Dell’ultimo nato in casa Palm, il 750V che, incredibilmente, monta il sistema operativo Windows Mobile in versione 5. L’iniziale stridere ha pian piano lasciato strada all’ottimismo verso questo terminale, dimostrazione che se due case collaborano senza pregiudizi, sicuramente il prodotto finale sarà soddisfacente.

Confezione

Solito form di Palm, ovvero scatola cubica cartonata. Esternamente capiamo subito che avremo a che fare con un terminale brandizzato Vodafone (l’involucro infatti ha livrea completamente rossa); internamente troviamo la familiarità del packaging Palm, con scomparti divisi da plastica trasparente preformata e accessori posizionati più o meno in ordine. Nonostante non sia a buon mercato, in palm hanno riciclato la confezione del precedente treo 650, sul preformato è rimasto infatti lo spazio dell’antenna, che in questo 750 non c’è più.

In dotazione troviamo l’alimentatore, con gli adattatori per i globetrotter più incalliti, l’auricolare stereo, il cavo dati anch’esso riciclato dai vecchi palm (vedi pulsante hotsync posto sul connettore, che con WM non serve più), la batteria, le istruzioni rapide, il cd rom con la suite e i manuali in pdf. Manca una memoria e, a voler fare i pignoli, anche una custodia. Dotazione quindi discreta ma nulla più.

Treo_750v_01
Treo_750v_01

Primo contatto

Ci avviciniamo guardinghi al figlio di questa nuova joint venture, ma apprezziamo che, a prima vista, le cose buone di palm siano rimaste. In primis la qwerty completa, con il solito feed che ci ha sempre convinto; si, i tasti sono piccoli, ma hanno la giusta forma e il giusto feel alla pressione, il che permette di non premere contemporaneamente 2 lettere sebbene siano ravvicinate.
Per silenziare il telefono, è rimasto il comodissimo interruttore manuale, posto nella parte superiore e il jack compatibile con i precedenti modelli. Quella che è sparita è l’antenna, quindi un bell’ingombro in meno.

Il nuovo Treo è finalmente un terminale UMTS, che si avvantaggia della connettività a banda larga, solamente per i dati però (non è infatti supportata la videochiamata). La parte 2g è quadri band, quindi connettività davvero a 360°. Per di più, pare che sia in fase di implementazione l’HSDPA, ovvero l’abilitazione alla banda larga del 3g, che avverrà tramite aggiornamento software (alcuni "esperti" hanno già modificato il firmware del telefono abilitando la funzione). Presente la connettività bluetooth, infrarossi, ma non wi-fi, pecca piuttosto grave per un terminale così.

I materiali sono ottimi: è plastica, si, ma di prima qualità. La verniciatura è opaca e gommata, il che non fa scivolare il telefono dalle mani e l’assemblaggio appare perfetto. Il terminale sembra subito solido, compatto ed esente da scricchiolii.

Treo_750v_08
Treo_750v_08

Le dimensioni di 111x58x22 millimetri e il peso di 154 grammi sono disposti in modo che il terminale appaia molto più snello ed ergonomico di quanto i freddi numeri possano lasciare trasparire. La tastiera, come detto prima, è molto buona e a questa si aggiungono parecchi tasti funzione: il joy centrale, i tasti chiamata, i tasti funzione, un tasto multifunzione personalizzabile e i tasti volume (questi ultimi sono ubicati lateralmente).
Il display è, purtroppo, un 240×240 pixel, quindi un passo indietro per quanto riguarda la risoluzione. Fortunatamente riproduce bene i colori e la luminosità è buona.
In prova


Non ci soffermeremo troppo sulla disamina del sistema operativo windows mobile, ormai conosciuto ed analizzato, ma approfondiremo molto le piccole (ma significative) migliorie apportate dagli ingegneri Palm; hanno reso questo software vicinissimo alla perfezione, almeno in termini di usabilità.
Per prima cosa salta all’occhio come, nonostante il processore lavori a "soli" 300Mhz, la velocità del sistema sia incredibilmente alta.
Navigare tra i menù di WM5 è un piacere, non ci sono intoppi o rallentamenti e la famosa rotella colorata che appare nei momenti di elaborazione qui risulta meno presente.
Disarmanti sono la facilità e la velocità con le quali le applicazioni si aprono e si gestiscono, dal task manager, senza blocchi di sistema. Inoltre siamo riusciti a fare tutto senza estrarre il pennino, ma usando il joypad e i tasti funzione. La funzionalità del joy è infatti intelligente a seconda dei contesti, permettendo, in combinazione con tasti e scorciatoie il vero uso "a 1 mano". Nessun problema (se non dal punto di vista morale e legislativo) l’utilizzo in auto del terminale. Fantastica la possibilità di associare a ciascun tasto della qwerty un contatto rapido, peccato non si abbia ereditato dal sistema palm anche la possibilità di associarvi applicazioni.

Treo_750v_14
Treo_750v_14

Altra miglioria è l’introduzione della ricerca rapida in rubrica direttamente dalla home; digitando le lettere del contatto, la ricerca avviene in maniera simile al T9 (su tutti i campi "nome" del contatto). Sul "today" in st by è possibile visualizzare anche dei link ai contatti rapidi (foto compresa), oltre che una riga di ricerca su google e ad altri plug comodissimi.
Il tasto rapido di destra, non personalizzabile, apre un menù di scelte che comprende le funzioni più utilizzate, gestendo shortcut alle impostazioni wireless, alle preferenze e ai contatti. Così come il tasto di chiamata (cornetta verde), se premuto in st.by, ci apre un menù dove possiamo vedere ed eventualmente selezionare le ultime chiamate.
Insomma, un orientamento più "telefonico" del sistema operativo che, in origine, non era ottimizzato per questo scopo, ma più per il lato palmare.
Viste le performance del sistema operativo, anche la parte telefonica è stata adeguata, con un audio sempre pulito e nessun problema di ricezione (considerando che a Milano è sempre difficile giudicare questo parametro). L’audio in vivavoce è mediamente basso e l’interlocutore faticherà molto a sentirci.
Come detto prima, il telefono non supporta la videochiamata, pur essendo UMTS ed avendo una camera posteriore da 1.3 megapixel, con la quale potremo limitarci a scattare fotografie (di discreta qualità) o girare brevi video.

Treo_750v_02
Treo_750v_02

Anche nella messaggistica Palm ha messo lo zampino, implementando il sistema di archiviazione stile Chat per gli sms, mentre per e-mail e mms rimane la gestione classica windows mobile. E-mail che vengono visualizzate correttamente ma non in html, il che fa perdere qualche particolare alle più fantasiose.
La configurazione degli account dati non è semplicissima come sul vecchio sistema palm o su altri smartphone, ma chi ha già avuto a che fare con questo sistema operativo non avrà difficoltà. La velocità della navigazione è particolarmente buona se usata da palmare. Abbiamo incontrato invece molte difficoltà per quanto riguarda l’utilizzo come modem UMTS via bluetooth con il nostro portatile: continue sconnessioni e navigazione lenta. Dopo breve ricerca abbiamo letto di non essere stati i soli (abbiamo provato 2 treo differenti appena resettati, per escludere problemi alla nostra unità). Peccato.
Lo scambio dati bluetooth ed il pairing con l’auricolare di test motorola non ha invece dato alcun problema, e si è dimostrato sempre affidabile.
Altro neo del Treo è la mancanza del motore Java. Non potremo quindi installare programmi come opera Mini o giochi in java, se non con java machine estratto da altri palmari, operazione che l’utente medio di certo non si metterà a compiere.

Immenso invece il parco software disponibile per questo sistema operativo, ce n’è per tutti i gusti. L’unico limite è dato dalla risoluzione 240×240 square del display che non è sempre supportata. Fortunatamente TomTom funziona alla perfezione.

Treo_750v_16
Treo_750v_16

Office integrato è molto funzionale, con agenda e rubrica pressoché perfette e sincronizzazione con il Pc rapida e affidabile. Riusciremo persino a sincronizzare le mail, anche se organizzate in cartelle, che ci ritroveremo sul telefono. Di serie troviamo pocket office che ci permetterà di interagire con i files creati sul pc, o di crearne di nuovi. Unico limite, anche qui, la bassa risoluzione del display che ci costringerà a numerosi scroll.

Per quanto riguarda la parte multimediale, già detto della fotocamera a 1.3 megapixel, dalla discreta qualità, dobbiamo segnalare la presenza del player di windows in versione 10. Ottima la facilità e la compatibilità di riproduzione, meno buone le cuffie in dotazione, di scarsa qualità, il che rende inopportuno l’ascolto di mp3 musicali. Anche la visualizzazione di foto è inficiata dal display, ma fortunatamente la resa dei colori è buona.
A bordo troviamo uno slot di espansione per la memoria (posto lateralmente) che accetta mini Sd anche IO.

Treo_750v_04
Treo_750v_04

Abbiamo provato a immettere una mini sd Wi-Fi ed ha funzionato perfettamente, aggiungendo quella feature che più ci è mancava, perdendo però i programmi che avevamo installato sulla memoria esterna.

La batteria in dotazione consente una buona autonomia che, però, è notevolmente influenzata dall’uso del terminale. Per fare un esempio, con UMTS sempre attivo e controllo della mail ogni 15 minuti, qualche sessione con pocket internet explorer, mezz’ora di chiamate abbondanti e qualche sms, siamo arrivati tranquillamente a sera. Non male, ma non c’è da gridare al miracolo.

Treo_750v_01f
Treo_750v_01f

Treo_750v_02f
Treo_750v_02f

Treo_750v_03f
Treo_750v_03f

La visione della videoprova necessita di un breve periodo di attesa, variabile a seconda del tipo di connessione che state utilizzando.

Immagini Palm Treo 750V

Tutte

Dati tecnici

Tipo di sim card supportata Plug in
Supporta dual sim
Capacità (mAh) 1200
Tipo di batteria Litio
Ricarica wireless
RAM
Memoria interna 60 MB
Memoria esterna Mini SD
Chipset SAMSUNG
Reti supportate GPRS,EDGE,UMTS
Schermo pieghevole
Sistema Operativo Windows Mobile 5.0
NFC
HDMI
Infrarossi
WiFi WiFi no
USB
Bluetooth

Foto e video

Raw
Risoluzione massima
Stabilizzatore
Zoom
* specifiche per sensore

Sensori

Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Riconoscimento iride