You Color P503 è un nuovo smartphone economico dell’azienda italiana NGM. Come il resto della gamma, lo smartphone viene venduto con una seconda scocca colorata inclusa nel prezzo, che può essere scelta tra 21 opzioni diverse. Ciò può essere fatto dal sito ufficiale oppure dall’app You Color preinstallata. You Color P503 si pone come ponte d’ingresso nel mondo smartphone, grazie a un’interfaccia priva di personalizzazioni software rispetto a quanto voluto da Google e a un design piacevole e comodo da usare. In vendita al prezzo di 159,99 euro, però, NGM ha dovuto fare qualche compromesso. Nel corso di questa recensione cercheremo di capire quali siano e quanto influenzino l’esperienza utente generale.

NGM YouColor P503
NGM YouColor P503

La confezione di vendita è tradizionale e non sono presenti sorprese. Include un caricabatterie da 1A, un paio di cuffie jack di qualità modesta e un cavo dati USB-microUSB da usare insieme al caricabatterie per ricaricare lo smartphone; è presente anche la manualistica, semplice e breve.

NGM YouColor P503
NGM YouColor P503

You Color P503 è molto piacevole sia da vedere che da tenere in mano. La scocca è liscia e i bordi arrotondati garantiscono un buon feeling nell’uso quotidiano. I lati aderiscono bene alla forma della mano e i 136 grammi di peso quasi non si sentono. Continuando a parlare delle dimensioni, questo smartphone misura: 141,5 x 71 x 8,4 mm. Lo spessore e le dimensioni generali non permettono di raggiungere la parte superiore sinistra dello schermo usando una sola mano, anche a causa dello schermo da 5 pollici (1280×720, IPS) integrato. In tal senso, NGM ha trovato una parziale soluzione, che abbiamo trovato intelligente ed efficace: il tasto Impostazioni è presente anche come tasto soft touch, sul lato inferiore sinistro, insieme a Home e Indietro. Ci vuole un po’ per abituarsi al capovolgimento del tasto Indietro, generalmente posto sulla sinistra, ma la possibilità di arrivare alle Impostazioni di qualsiasi app usando il pollice è molto comodo e vale per qualsiasi parte del sistema operativo.

NGM YouColor P503
NGM YouColor P503

Nel dettaglio, la parte superiore frontale di You Color P503 è contraddistinta dalla fotocamera frontale da 5 megapixel, dalla capsula auricolare e, più in alto, dal jack da 3,5 mm e dalla porta microUSB 2.0. Sotto lo schermo trovano spazio i tre tasti soft touch di cui sopra, che non sono retroilluminati. Infine, il microfono di sistema è l’unico presente nel lato inferiore.
Sulla scocca, invece, trova spazio la fotocamera posteriore da 13 megapixel con flash, il logo NGM e l’altoparlante di sistema. Quest’ultimo è composto da una griglia di fori molto piccoli. Quando lo smartphone è poggiato su una superficie, l’audio in uscita è basso. Più volte, nel corso della nostra prova, abbiamo perso chiamate e altre notifiche. Lo stesso vale quando il dispositivo si trova in una tasca. La scocca, rimovibile, nasconde la batteria da 2.100 mAh, due slot per le SIM in formato micro e standard e lo slot per le microSD, supportate fino a 64GB. Il lato sinistro è pulito mentre quello destro ospita il bilanciere del volume e il tasto Power. Assente il tasto per la fotocamera.
A livello hardware troviamo il primo compromesso: il System-on-Chip integrato. You Color P503 integra un MediaTek MT6753P quad-core, che usa un Cortex A7 da 1 GHz. Viene affiancato da 1GB di RAM e 8GB di memoria interna (di cui 4,17GB effettivamente disponibili all’utente per i propri file). Sarete costretti a usare la microSD, a meno che non sfruttiate pochissime applicazioni. Come prestazioni, questo MediaTek è alcuni gradini al di sotto dello Snapdragon 400 di Qualcomm, processore usato da molti concorrenti di You Color P503 in questa fascia di prezzo.

NGM YouColor P503
NGM YouColor P503

Lo schermo, al contrario, è il lato migliore di questo terminale. NGM ha usato un pannello da 5 pollici IPS in alta definizione. La luminosità, soprattutto, è molto alta, sebbene il sensore di luminosità non funzioni sempre bene. In più occasioni abbiamo dovuto impostare manualmente la luminosità quando ci siamo trovati all’aperto perché il sensore non è riuscito a correggerla automaticamente. Lo schermo gestisce bene bianchi, neri e colori e offre un’esperienza coerente a prescindere dall’utilizzo.

NGM YouColor P503
NGM YouColor P503

L’autonomia della batteria da 2.100 mAh è modesta. Si riesce a raggiungere una giornata di utilizzo solo se non si sfruttano molto lo schermo accesso e la rete cellulare. Quando si preme l’acceleratore sullo schermo, tenendolo acceso per sessioni prolungate, la batteria cala in fretta e si arriva alle 18-19 con poca carica rimasta. Si può arrivare a un giorno e mezzo di autonomia con un uso leggero. Sicuramente 200 mAh in più avrebbero fatto comodo. Chiudiamo infine, segnalando che You Color P503 è compatibile con la rete 4G LTE Cat 4 (fino a 150 Mbps in download e 50 Mbps in upload). Con il 3G si raggiunge la velocità di 21 Mbps in download e 5,76 Mbps in upload.
Parleremo molto brevemente del software poiché quest’ultimo è presente nella versione stock di Android 5.1 Lollipop. NGM ha integrato solo due app: NGM Support e You Color. Non ci sono altre app di terze parti e tutto fa affidamento sui servizi di Google, dalla posta elettronica (Email e Gmail) fino al browser (Chrome). Un buon modo per sperimentare Android senza le spesso fastidiose app di terze parti.

NGM YouColor P503
NGM YouColor P503

La CPU svolge sufficientemente bene il proprio compito consentendo un’esperienza utente abbastanza fluida. L’apertura delle app può però chiedere 1-2 secondi in più del dovuto, anche in caso di social network e servizi di messaggistica. Il discorso è più sentito quando parliamo di videogiochi. Nella nostra prova abbiamo sfruttato Real Racing 3: l’apertura e il caricamento, in questo caso, sono molto lenti. Ma è soprattutto a livello grafico che il MediaTek MT6753P fa fatica. L’unità grafica integrata, infatti, non riesce a stare al passo dei videogiochi più pensati: è presente l’effetto di aliasing sia sugli oggetti lontani che su quelli più vicini; il frame rate non è fluido, sebbene permetta comunque di giocare. Insomma, NGM poteva fare qualcosa di più da questo punto di vista.

La componente telefonica non ha dato alcun problema nel corso del nostro test.
Il vivavoce raggiunge un buon livello qualitativo e il volume è sufficiente per essere sentito senza disturbi. L’audio dell’altoparlante di sistema, come abbiamo anticipato, è invece influenzato negativamente dalla griglia e dal posizionamento, che spesso impedisce di sentire le notifiche. Quando l’altoparlante è "libero", sia la musica che altre fonti di audio in uscita risultano di buona qualità, ma è difficile soprassedere di fronte a questo difetto nell’esperienza quotidiana.

NGM YouColor P503
NGM YouColor P503

Chiudiamo parlando della fotocamera, purtroppo uno degli aspetti più deludenti di You Color P503. La fotocamera posteriore mostra le potenzialità di un sensore da 13 megapixel quando la luminosità è perfetta: le foto sono dettagliate e rimangono tali anche con un crop importante dell’immagine. Diversamente, il sensore fa molta fatica a gestire le fotografie negli interni. Le immagini sono rumorose, i dettagli si perdono e la messa a fuoco è molto lenta. Di sera, è quasi inutilizzabile, a causa della poca luce che viene catturata. La messa a fuoco, in tale contesto, è ancora più lenta. Buona la modalità HDR, grazie al quale si può guadagnare qualche dettaglio in più.  I video, che vengono registrati a 720p, sono invece di buona qualità di giorno; di notte si perde molta qualità. Anche la fotocamera frontale, pur con un sensore da 5 megapixel, non garantisce un’esperienza pienamente soddisfacente, salvo quando viene usata in condizioni perfette all’aperto. Le due fotocamere, insomma, sono molto buone in condizioni perfette di luce ma appena sufficienti nel resto delle situazioni.
Cosa dire, in conclusione, di questo You Color P503? Quella di NGM non è stata la sua prova migliore. La scelta di risparmiare qualcosa sul processore e sulle due fotocamere fa sì che il giudizio complessivo sul prodotto ne risenta. Il buonissimo schermo e la qualità telefonica sono sicuramente note positive da non denigrare, ma la pochezza del sensore posteriore della fotocamera – soprattutto in condizione di luce non ottimale – lascia davvero un forte amaro in bocca.

In generale, comunque, questo smartphone lo consigliamo a chi sfrutta il proprio smartphone per le funzionalità prettamente di base. Considerato che nel prezzo di 159 euro è inclusa una seconda scocca posteriore, può essere un buon smartphone per provare Android oppure come porta d’ingresso per il mondo smartphone. Chi cerca qualcosa di più, invece, dovrà necessariamente salire di prezzo e rivolgersi a segmenti più alti.

Immagini NGM YouColor P503

Tutte

Dati tecnici

Supporta On the GO per le periferiche USB
Supporta e-sim
Supporta dual sim
Capacità (mAh) 2100
Tipo di batteria Li-ion
Ricarica rapida
Ricarica wireless
RAM 1 GB
Memoria interna 7.8125 GB
GPS
Sistemi GPS supportati
Chipset Mediatek MT6735 (4 core)
Processore Cortex-A53
Reti supportate EDGE,UMTS,HSUPA,GPRS
Schermo pieghevole
Diagonale 5,0"
Sistema Operativo Android 5.1 (Lollipop)
NFC
HDMI
Infrarossi
WiFi WiFi sì
USB Micro USB v2.0
Bluetooth v4.0

Foto e video

Risoluzione massima
* specifiche per sensore
Raw
Flash 1
Risoluzione massima
Massima risoluzione video 720p
* specifiche per sensore

Multimedia

DTS
aptX - presenza della tecnologia qualcomm per il BT wireless low latency
Dolby Atmos
Hi-Res Audio
Audio Stereo
Low Latency Audio
DAC Audio dedicato

Sensori

Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Sensore impronta sotto il display
Riconoscimento iride
Bussola
Barometro
Giroscopio
Accelerometro
Prossimità/Luminosità