Sony Xperia XZ3 è stato lanciato lo scorso anno, in estate. Oltre ad essere un flagship, il terminale è stato presentato come camera phone ed in effetti i presupposti perché lo fosse c’erano tutti. Purtroppo però, come spesso accade, Sony è in grado di fornire sensori fotografici di ottima qualità agli atri produttori di smartphone, ma ha difficoltà ad ottimizzare quelli implementati sui suoi device. Lo staff di DXoMark ha valutato il comparto fotografico del top di gamma con appena 79: molto poco, considerando che ormai i device di punta superano i 100 punti.

Xperia XZ3, la valutazione di DXoMark

Come sempre, il grafico riassuntivo proposto da DXoMark permette di avere chiaro il quadro della situazione. Nello specifico, il device ha totalizzato 76 nelle fotografie ed 85 nei video: dunque, la capacità di girare delle clip di medio livello, avrebbe contribuito ad aumentare il punteggio medio totale.

Quanto alle fotografie, Xperia XZ3 sembra non performare come dovrebbe nello zoom – che produrrebbe troppo rumore – e quando di tratta di produrre l’effetto bokeh (lo sfondo sfocato, per intenderci). Inoltre, sembra che la manipolazione software sia troppo aggressiva: i bordi di oggetti e soggetti sono pesantemente arrotondati, sfumati o distorti, contribuendo ad aumentare il rumore e diminuire i dettagli. Infatti, nel complesso il “rumore” generato nell fotografie totalizza appena 55. L’autofocus e la regolazione dell’esposizione sembrano essere i punti di forza. Per quello che riguarda i video, le valutazioni sono di gran lunga superiori. Nello specifico, il flagship eccelle – in rapporto al resto della valutazione – nell’autofocus e nella stabilizzazione. Anche il rumore sembra essere inferiore.

XZ3 è l’ennesimo esempio che non è sufficiente equipaggiare un terminale con ottimo hardware fotografico: senza una componente software adeguata è difficile distinguere la qualità dei propri scatti. Non resta che aspettare e scoprire quali sono le performance fotografiche di Xperia 1.

Fonte: DxOMark