Xiaomi lancerà tre nuovi tablet di cui uno con il nuovissimo processore Snapdragon 860 di Qualcomm. Con la quota di mercato di Huawei libera, i concorrenti stanno cercando di superare se stessi con nuovi prodotti ogni settimana; tale mossa sembra che stia già dando i primi risultati, almeno per quanto concerne il mondo degli smartphone. Tuttavia, le cose sono più lente per quanto riguarda il mercato dei tablet, un’altra area su cui Huawei aveva un controllo in Cina ma che sta per essere strappata da OEM come Lenovo e Xiaomi. I due produttori hanno in programma diversi nuove tavolette per il debutto quest’anno.

Xiaomi: cosa sappiamo dei nuovi device?

Xiaomi si era presa una pausa dalla produzione di tablet per diversi anni ma quest’anno prevede di tornare alla ribalta con, non uno, ma ben tre nuovi tablet. Secondo un nuovo rapporto, i dispositivi del brand saranno alimentati dai chipset della serie Snapdragon 800 di Qualcomm.

Le informazioni provengono dall’account Twitter @xiaomiui e hanno rivelato in un tweet che ci sono tre modelli con nome in codice “Enuma“, “Elish” e “Nabu” con i numeri di modello K81, K81A e K82 rispettivamente.

I tablet avranno display IPS con una risoluzione di 2560 x 800 e una frequenza di aggiornamento di 120 Hz. Questi display avranno un livello di luminosità di 410 nit. La fonte aggiunge anche che il tablet con nome in codice “Enuma” avrà una fotocamera posteriore principale da 48 Megapixel mentre gli altri due includeranno una lete posteriore principale da 12 Mpx. Tutti e tre avranno quattro sensori posteriori con all’interno una fotocamera ultrawide, una macro e una per gli scatti con profondità attiva.

Per quanto riguarda i processori, lo Snapdragon 870 alimenterà “Enuma” ed “Elish” mentre “Nabu” avrà un processore Snapdragon 860. Sulla base di queste specifiche, significa che Nabu dovrebbe essere il più economico di tutti. Si afferma inoltre che i tablet avranno il modulo NFC, quattro speaker, ricarica wireless e ricarica ultra rapida.

Tutti e tre i tablet dovrebbero essere lanciati all’interno della linea Mi Pad, dovrebbero eseguire la MIUI basata su Android out of the box e dovrebbero essere lanciati prima in Cina prima del rilascio globale.

Fonte:Gizmochina