Xiaomi detiene, assieme a Huawei, il primato tra i produttori di telefonia mobile in Cina: l’anno scorso le sue vendite hanno toccato 70 milioni di unità. Questo incredibile risultato però non è stato accolto benissimo dai vertici dell'azienda, che puntavano a raggiungere la sontuosa cifra di 80 milioni di smartphone venduti.
Per migliorare i risultati, quest'anno Xiaomi ha presentato già due flagship interessanti, come il Mi 5  (introdotto a febbraio) e il Redmi 3 Pro.
Secondo Kevin Wang, analista della società di ricerca IHS Technology, Xiaomi ha venduto nel primo trimestre di quest'anno 14,8 milioni di dispositivi: risultato identico se riferito allo stesso periodo dello scorso anno.

Xiaomi Mi 5
Xiaomi Mi 5

Non male come risultato, soprattutto se letto alla luce del fatto che il Mi 5, in questi primi mesi, è stato messo solo in flash sale. Diversa sarà la situazione quando il flagship di Xiaomi sarà messo in vendita attraverso tutti i canali tradizionali. Si aggiunga a questa valutazione che il Redmi 3 Pro, uscito da troppo poco, è un dispositivo molto interessante i cui numeri probabilmente contribuiranno a trainare le sorti dell'azienda e che a breve arriveranno sul mercato lo Xiaomi Max e l'attesissimo Mi Note 2.
Sarà quindi interessante rileggere i risultati una volta trascorsa la prima metà dell'anno. Rispetto a Huawei, i mercati di riferimento di Xiaomi sono quello di casa e quello indiano: ci aspettiamo quindi che la società si espanda anche verso i mercati internazionali, cosa che farebbe lievitare esponenzialmente le sue vendite.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum