Il Mi Box di Xiaomi potrebbe arrivare negli Stati Uniti il mese prossimo. Non si tratta di una notizia ufficiale, ma di una indiscrezione rivelata a TechCrunh da una fonte interna all’azienda.
Il primo set top box Android di Xiaomi – presentato al mondo lo scorso maggio durante il Google I/O 2016 – potrebbe essere venduto ad un prezzo molto interessante, forse addirittura meno di 100 dollari.

Hugo Barra (Vicepresidente Xiaomi)
Hugo Barra (Vicepresidente Xiaomi)

Che l'azienda cinese abbia intenzione di iniziare a vendere smartphone negli Stati Uniti è chiaro da tempo, lo ha rivelato lo stesso vicepresidente Hugo Barra qualche settimana fa. Attualmente però sul sito ufficiale per il mercato americano si trovano in vendita solo accessori come cuffie, speaker Bluetooth, power bank e braccialetti smart. Il lancio del Mi Box dunque potrebbe essere un'ulteriore tappa nel processo di avvicinamento al reale obiettivo dell'azienda: aggredire il mercato statunitense degli smartphone.

Xiaomi Mi Box
Xiaomi Mi Box

Questo scatolotto cinese concepito per l’Android TV si presenta prestigioso già nell'aspetto. Basta guardare le linee morbide del suo case grigio scuro, che lo fanno assomigliare a una specie di grosso ciottolo di fiume, per capire che siamo di fronte a un prodotto ideato con molta cura. Anche ciò che si trova all'interno del case, comunque, è abbastanza interessante. Il Mi Box infatti dispone di: un processore ARM quad-core (comprensivo di GPU Mali 450), 2GB di RAM e 8GB di memoria per lo storage. Il suo punto di forza è la possibilità di riprodurre video fino alla risoluzione 4K a 60fps. A bordo poi è stata installata persino la tecnologia Dolby Digital Plus per dare all’utente la possibilità di fruire di un audio di qualità particolarmente elevata. Xiaomi ha inoltre sviluppato uno specifico controller wireless per il videogaming da usare in associazione con il suddetto box.

Xiaomi Mi Box
Xiaomi Mi Box

Ovviamente questo piccolo computer Android da collegare alla TV non è uno smartphone, ma potrebbe permettere a Xiaomi di fare una specie di test preliminare sul mercato USA, di capire cioè qual è il tipo di benvenuto che i suoi prodotti possono attendersi dai clienti americani. Staremo a vedere.