WINDTRE è il primo operatore di telefonia ad accogliere la richiesta dell’AGCOM per il blocco dei servizi a contenuto in maniera automatica. Questo barring verrà attivato sia per le nuove SIM di utenti privati ed anche per quelli con Partita IVA.

WINDTRE blocco dei servizi a contenuto: i dettagli

L’operatore con la Top Quality Network è il primo che ha deciso di anticipare la richiesta fatta dal garante per preservare la sicurezza dei clienti contro l’attivazione involontaria di alcuni servizi a valore aggiunto.

L’AGCOM non ha ancora stabilito una data entro la quale anche gli altri operatori dovranno disporre del barring, anche se tale richiesta è già stata presentata dall’Adiconsum.

Ecco quanto dichiarato dal Segretario Nazionale di Adiconsum in merito al blocco VAS:

Si tratta – afferma Pierpaola Pietrantozzi, Segretario nazionale di Adiconsum – di una richiesta che chiediamo da tanto, ribadita anche nell’ultima consultazione dell’Autorità, certi che, come avvenuto per la telefonia fissa, sia in grado di risolvere il problema dei maggiori costi in bolletta pagati dai consumatori per servizi non richiesti.

Nello specifico WINDTRE seguendo le richieste formulate all’AGCOM ha deciso di anticipare tutti ed attivare di default il blocco dei servizi a sovrapprezzo nelle sue SIM a partire dal 18 Gennaio 2021. Il cliente può disattivare il blocco in qualsiasi momento grazie ad un codice OTP personale.

 

Fonte:mondo3