Vodafone Italia lancia La Serata del Riciclo realizzata nell’ambito del Progetto My Future, per promuovere la raccolta di vecchi telefonini regalando questa volta un sorriso.
L’iniziativa, rivolta a tutti i propri clienti e degli altri operatori, è una novità assoluta nel panorama nazionale: per la prima volta in Italia vengono offerti biglietti gratuiti di ingresso a Teatro in cambio di telefonini non più utilizzabili.

Il comico Marco Marzocca ha accolto l’invito di Vodafone ad esibirsi per la Serata del Riciclo e presenta il 2 febbraio alle 21.00 al Teatro Brancaccio, in anteprima sulle date in cartellone, il suo spettacolo "Da Giovidì a Giovidì" in cui fa esibire i migliori personaggi presentati a Zelig, in un rinnovatissimo repertorio, fra i quali il Notaio (reso celebre dalla collaborazione con Corrado Guzzanti) ed il domestico filippino Ariel (che in TV abbiamo visto in casa Panicucci e Bisio).  

Avere un biglietto gratuito per partecipare alla serata è semplice: basta consegnare al negozio Vodafone One di via del Corso a Roma (dal 23 al 31 gennaio), angolo Piazza San Lorenzo in Lucina, almeno due cellulari da riciclare; una persona può richiedere anche più biglietti, ogni due cellulari verrà fornito un ingresso omaggio fino ad esaurimento posti.
Chi non riesce a partecipare alla Serata del Riciclo, potrà comunque assistere allo spettacolo di Marco Marzocca nelle date della programmazione prevista sempre al Teatro Brancaccio dal 3 al 15 Febbraio 2009.

Grazie ai proventi della campagna di raccolta e rigenerazione dei telefoni non più utilizzabili dello scorso anno – promossa con grande successo a livello nazionale nell’ambito del Progetto My Future, in collaborazione con Enel.si e Legambiente – verranno installati impianti fotovoltaici entro il prossimo febbraio in sei Istituti scolastici di Palermo, Agrigento, La Spezia, Comacchio, Grosseto e Pesaro.

La "Raccolta di telefoni, batterie e accessori" è un progetto che Vodafone Italia ha sviluppato a partire dal 2000, in largo anticipo rispetto all’emanazione della direttiva RAEE (2002/96/CE), con l'obiettivo di sensibilizzare la comunità sulla corretta gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici e ridurre i danni derivanti da una loro dispersione nell'ambiente e fino ad oggi sono stati raccolti ben 1.600.000 telefoni ricavando circa 30 tonnellate di materiali destinati al riciclo e al riutilizzo.