L’operatore tedesco E-Plus ha ammesso la scorsa settimana di aver subito una serie di attacchi da parte di hacker che avevano scardinato il proprio sistema di tariffazione della rete GPRS. In pratica i pirati informatici avevano carpito gli indirizzi IP di ignari utenti mobili e li avevano utilizzati per connettersi, in loro vece, alla rete GPRS, addebitando il traffico sulla SIM Card collegata direttamente a quell’IP. La truffa è stata scoperta solo dopo che decine di utenti mobili hanno reclamato per le astronomiche bollette a seguito di collegamenti GPRS mai effettuati. Adesso E-Plus ha risolto il problema corredando il proprio sistema di accesso alla rete con un particolare Firewall fornito dalla ditta specializzata Check Point. Il problema della sicurezza su questo campo, però, è comune a tutti gli operatori mobili e soprattutto è comune anche alle nuove reti 3G, che a causa dell’alta velocità di trasferimento, sono ancora più soggette a possibili tentativi di truffa.