Questa sì che è una sorpresa: Meizu ha anticipato di spedirà il suo Meizu Watch con HarmonyOS; ricordiamo che il debutto ufficiale è previsto per il 31 maggio.

Meizu Watch: avrà il supporto alle app di terze parti

Meizu, il produttore di smartphone con sede in Cina, sta lavorando ad un nuovo dispositivo indossabile che probabilmente si chiamerà Meizu Watch. La società terrà anche una conferenza stampa il 31 maggio in Cina per il lancio globale del wearable.

Ora, il marchio cinese ha condiviso un nuovo teaser su Weibo che recita “Hello, HongMeng!” Per coloro che non lo sapessero, HongMeng OS è il nome cinese di HarmonyOS , il software del gigante tecnologico Huawei.

Questo indica che Meizu sta ufficialmente collaborando con Huawei per il nuovo sistema operativo e potrebbe lanciare dispositivi alimentati dal s.o. in questione già a partire dal 31 maggio.

Meizu

I dispositivi faranno parte della Smart Life dell'azienda e il collegamento dei prodotti Meizu Lipro Eco con HarmonyOS migliorerà la connettività e migliorerà l'esperienza dell'utente. Insieme a questo, l'OEM cinese lancerà anche il suo smartwatch durante l'evento.

Finora, Meizu ha confermato che lo smartwatch sarà alimentato dal chipset Qualcomm Snapdragon Wear 4100 e avrà il supporto per la connettività eSIM, aggiungendo la possibilità di effettuare chiamate vocali.

Recentemente, è stato confermato che il device fornirà prestazioni per tutto il giorno con una semplice carica di soli 15 minuti. Questo indica che un Meizu Watch completamente carico potrebbe durare diversi giorni ma la capacità della batteria non è stata ancora rivelata.

In termini di design, il Meizu Watch sembra ispirarsi all'Apple Watch con un display di forma quadrata con bordi curvi e angoli arrotondati. Si diceva che eseguisse il sistema operativo Flyme per smartwatch con supporto per app di terze parti. È possibile che esegua HarmonyOS con Flyme OS in primo piano.

Lo sviluppo di Meizu in collaborazione con il colosso di Ren Zhengfei è interessante ma non sorprendente dato che il marchio cinese ha una storia di apertura a sistemi operativi di terze parti. Alcuni anni fa, aveva lanciato Meizu 5 Pro Ubuntu Edition, che come indica il nome, eseguiva il sistema operativo Ubuntu. Nel 2016, la società aveva lanciato gli smartphone della serie E alimentati da YunOS, il sistema operativo realizzato da Alibaba.

Fonte:Gizmochina