Tempo di spese per Sony. Il colosso giapponese ha dichiarato che acquisterà Altair Semiconductor, azienda israeliana attiva nel campo della produzione di chip. L’operazione – del valore di 212 milioni di dollari (circa 195 milioni di euro) – è ufficiale ma non ancora conclusa: sarà completata nelle prossime settimane, forse già entro la fine di febbraio.

Sony
Sony

Nel frattempo ci si interroga su quali possano essere le motivazioni di questa decisione. Altair non produce processori per dispositivi mobili, per cui è difficile che Sony l’abbia comprata per avere “in house” un produttore di SoC per i propri modelli di smartphone e tablet. La società israeliana invece è attiva nello sviluppo di blocchetti di silicio per le connessioni LTE.

Se date un’occhiata sul sito ufficiale, potrete infatti trovare nel portfolio diversi modelli di chip LTE, da quelli cat. 0 a quelli cat. 6, finalizzati agli usi più disparati. Quelli di cat. 0 sono ideali per l’utilizzo nella cosiddetta IoT (Internet of Things). Sony potrebbe dunque aver messo le mani su quest’azienda per poter giocare un ruolo importante all’interno di questo mercato emergente.

Nei prossimi anni il colosso giapponese potrebbe portare in commercio svariati dispositivi connessi permanentemente a internet, proprio sfruttando i chip e le tecnologie LTE di Altair Semiconductor. Basti pensare che al momento gran parte dei sensori e dei dispositivi “smart” usano solo il Bluetooth e il Wi-Fi per connettersi tra loro e alla rete delle reti, dunque avere in mano la tecnologia che sarà usata nel prossimo futuro dell’IoT significa essere già un passo avanti nella gara alla conquista del mercato.

Altair Semiconductor LTE chips
Altair Semiconductor LTE chips

Proprio sulla corsa ad usare le reti cellulari per l’Internet delle Cose si sono già costituiti due gruppi distinti; da una parte ci sono Vodafone e Huawei con lo standard NB-ClIoT (Narrow Band Cellular Internet of Things) e dall’altra Ericsson, Intel e Nokia con l’NB-LTE (Narrow Band LTE). Vedremo a quale dei due consorzi deciderà di avvicinarsi Sony, dopo questa importante acquisizione.