Lo scorso 9 agosto, dopo aver presentato Galaxy Note 9, durante l’ultimo evento di Samsung dedicato al mobile è stato ufficializzato anche Galaxy Watch. Si tratta del nuovo smartwatch dell’azienda sud coreana che punta ad essere un dispositivo completo sotto tutti i punti di vista. Dal controllo dell’attività fisica e del proprio livello di benessere, all’utilizzo del wearable per le proprie attività quotidiane e per la casa connessa.

Specifiche chiave

Galaxy Watch arriva in due versioni, solo Bluetooth oppure anche con modem LTE che permette – grazie alla presenza di e-sim integrata – di utilizzare il dispositivo in completa autonomia.

Inoltre per entrambi i modelli sono disponibili due dimensioni di quadrante differenti, ovvero 42mm (prodotto in due colorazioni: Rose Gold e Midnight Black) e 46mm (solo colorazione Silver). Il primo ha un display da 1,2″ mentre il secondo da 1,3″. Entrambi sono pannelli AMOLED con risoluzione 360X360 e protezione Corning® Gorilla® DX+.

A livello di scheda tecnica, il processore è il dual core Exynos 9110 supportato da 768MB di RAM nella versione solo Bluetooth. La RAM passa ad 1,5GB per la variante LTE. Quanto allo storage interno, questo si attesta sui 4GB per entrambe le versioni.

Le differenze tornano ad essere marcate per quanto riguarda la batteria. Infatti, se per il modello Bluetooth sono sufficienti 270 mAh, ne servono 472 mAh per la versione con connettività dati stand alone. Interessante le certificazioni: 5 ATM (che lo rendono perfetto per il nuoto), IP68 e MIL-STD-810G.

Nonostante diverse indiscrezioni vedessero Galaxy Watch come primo smartwatch Samsung dotato di sistema operativo Wear OS, la realtà si rivelata differente. Infatti, l’OS è Tizen Wearable OS in versione 4.0.

Il benessere prima di tutto

Diversi recenti modelli di smartwatch hanno funzionalità che ampliano il concetto di “benessere personale” e vanno oltre il mero monitoraggio dell’attività fisica. Galaxy Watch non è certamente da meno.

Andando per ordine, sono state aggiunte 21 esercizi a quelli già integrati nelle precedenti versioni degli smartwatch Galaxy. Il numero complessivo arriva adesso a 39. Inoltre, anche il controllo dell’alimentazione riceve maggiore attenzione, soprattutto grazie alla possibilità di poter fotografare e rilevare le calorie di un determinato cibo tramite Bixby Vision.

Il benessere però non si ferma ai benefici offerti da una corretta e costante attività fisica. Per questo motivo, Galaxy Watch è in grado di monitorare i livelli di stress – offrendo consigli per tenerlo sotto controllo – ed anche il sonno in ogni sua fase, inclusa quella REM.

L’ecosistema Galaxy, a portata di polso

Galaxy Watch si pone anche come hub per la gestione di buona parte dell’ecosistema Galaxy (SmartThings, Samsung Health, Samsung Flow, Samsung Knox, Samsung Pay 6 , Bixby).

Dai pagamenti tramite NFC con Samsung Pay, alla gestione della propria smart home con SmartThings.

Prezzi e disponibilità

Il nuovo smartwatch di Samsung è disponibile già da oggi – nella versione Bluetooth – in diversi negozi fisici e su Samsung.com al prezzo di €309 per il modello con quadrante da 42mm e €329 per la variante da 46mm.

Se quello che cercate è la totale connettività stand alone, allora ci sarà da aspettare ancora qualche mese. I prezzi di vendita di Galaxy Watch LTE saranno di €379 (42mm) e €399 (46mm).